Archivi Categorie: Politica economica

Costi standard in sanità: i documento del Convegno N.I. San. @Medici_Manager

Ecco i documenti del II Workshop Nazionale sui Costi Standard tenutosi il 18 Ottobre 2012 aSan Giovanni Rotondo, a cura del N.I.SAN.

http://bit.ly/YmOKuR

The European debt crisis: Defaults and market equilibrium @martinmckee @Medici_Manager

Cite as: M. Lagi, Y. Bar-Yam, The European debt crisis: Defaults and market equilibrium. NECSI report, Sept. 27, 2012.

http://necsi.edu/research/economics/bondprices/Bond_Prices.pdf

During the last two years, Europe has been facing a debt crisis, and Greece has been at its center. In response to the crisis, drastic actions have been taken, including the halving of Greek debt. Policy makers acted because interest rates for sovereign debt increased dramatically. High interest rates imply that default is likely due to economic conditions. High interest rates also increase the cost of borrowing and thus cause default to be likely. In equilibrium markets, economic conditions are used by the market participants to determine default risk and interest rates, and these statements are mutually compatible. If there is a departure from equilibrium, increasing interest rates may contribute to—rather than be caused by—default risk. Here we build a quantitative equilibrium model of sovereign default risk that, for the first time, is able to determine if markets are consistently set by economic conditions. We show that over a period of more than ten years from 2001 to 2012, the annually-averaged long-term interest rates of Greek debt are quantitatively related to the ratio of debt to GDP. The relationship shows that the market consistently expects default to occur if the Greek debt reaches twice the GDP. Our analysis does not preclude non-equilibrium increases in interest rates over shorter timeframes. We find evidence of such non-equilibrium fluctuations in a separate analysis. According to the equilibrium model, the date by which a half-default must occur is March 2013, almost one year after the actual debt write-down. Any acceleration of default by non-equilibrium fluctuations is significant for national and international interventions. The need for austerity or other measures and bailout costs would be reduced if market regulations were implemented to increase market stability to prevent the short term interest rate increases that make country borrowing more difficult. We similarly evaluate the timing of projected defaults without interventions for Portugal, Ireland, Spain and Italy to be March 2013, April 2014, May 2014, and July 2016, respectively. The markets consistently assign a country specific debt to GDP ratio at which default is expected. All defaults are mitigated by planned interventions.

Press Release: Is the Eurozone Crisis Really a Crisis?

CAMBRIDGE (Sept. 27) — As the European Central Bank prepares to dig deeper for the billions of Euros to bail out Spain and Italy if necessary, scientists at the New England Complex Systems Institute have asked whether the Eurozone’s debt crisis was actually the result of flawed fiscal policies or blind panic in the markets. Their answer is: yes, the debt crisis is real, but that market overreactions made it much worse by driving interest rates higher at a critical time, leading policy-makers to over-react. The repercussions include the halving of Greek debt a year earlier than necessary had the markets been in equilibrium.

For the first time, NECSI’s study quantitatively demonstrates how interest rates implicitly behave according to sovereign debt. The bond market effectively has a pre-set debt threshold it expects a given country to default at. For each country, this value is always present in interest rates, even when default is unlikely. As sovereign debt approaches the threshold, however, interest rates rise until mounting pressure triggers a default. This is the pressure which forced Greece, Ireland, and Portugal to accept bailouts and adopt austerity measures, and which is currently mounting on Italy and Spain.

This is the type of equilibrium behavior that is generally assumed to be a feature of financial markets. By quantifying this behavior, however, the study lays the groundwork for spotting when interest rates are knocked out of equilibrium by external actors.

The study tracked annual interest rate changes from 2001 to the present. Long term, the annually averaged interest rates followed the equilibrium curve closely. But in 2011 and 2012, daily market interest rates rose much more rapidly than the equilibrium model would predict. In a separate study, NECSI’s researchers confirmed that when markets departed from equilibrium, there was insufficient economic justification for the increases. In these cases, bond prices were driven by speculator-led bandwagon effects, and perhaps even outright market manipulation.

“The vulnerability of sovereign debt markets to bandwagon effects has led to painful austerity measures that may not have been necessary,” says Professor Yaneer Bar-Yam, a co-author of the study. “Policy-makers should have had more time to devise and test alternative strategies.”

This includes the ECB’s recent offer to purchase short-term bonds in the secondary market that the bank’s president Mario Draghi promised would address “distortions in financial markets.”

“Having a common European response to the debt crisis is a good idea,” said Bar-Yam, who in past research has pointed out the flaws in leaving countries to face speculator attacks alone. “As a united front they are less vulnerable to speculative bubbles or crashes.”

Still, he emphasizes the importance of allowing markets to stabilize themselves. “The lack of stability is triggering policy responses that swing wildly every time the market hiccups because of the risk of crashes. If the markets were to be stabilized by simple trading policies, this wouldn’t be necessary.”

According to the researchers, policy-makers could respond only when there are real problems, not the phantoms generated by market panic.

For media inquiries, contact:

Karla Bertrand, Press Relations
karla@necsi.edu, 617-547-4100

Clare Froggatt, Program Coordinator
clare@necsi.edu, 617-547-4100

 

The drug industry. Pick your pill out of a hat @Medici_Manager @doctorpreneur

Da The Economist http://www.economist.com/node/21563689?fsrc=scn/tw_ec/pick_your_pill_out_of_a_hat

Bad Pharma. By Ben Goldacre. Fourth Estate; 430 pages; £13.99. To be published in America in January by Faber and Faber; $28. Buy from Amazon.com,Amazon.co.uk

DOCTORS like to project an air of authority when making their clinical decisions. Patients like it too, for it is reassuring to think that one’s health is in the hands of an expert. It would be unsettling if, upon prescribing you a drug, your doctor admitted that the scientific research about what exactly the drug did, and how effective it was at doing it, was patchy and distorted, sometimes to the point where nobody has any real idea of what effects the drugs they are prescribing are likely to have on their patients.

But that is the reality described in “Bad Pharma”, Ben Goldacre’s new book. A British doctor and science writer, he made his name in 2008 with “Bad Science”, in which he filleted the credulous coverage given in the popular press to the claims of homeopaths, reiki therapists, Hopi ear-candlers and other purveyors of ceremonious placebos. Now he has taken aim at a much bigger and more important target: the $600-billion pharmaceutical industry that develops and produces the drugs prescribed by real doctors the world over.

The book is slightly technical, eminently readable, consistently shocking, occasionally hectoring and unapologetically polemical. “Medicine is broken,” it declares on its first page, and “the people you should have been able to trust to fix [its] problems have failed you.” Dr Goldacre describes the routine corruption of what is supposed to be an objective scientific process designed to assess whether new drugs work, whether they are better than drugs already on the market and whether their side effects are a price worth paying for any benefits they might convey. The result is that doctors, and the patients they treat, are hobbled by needless ignorance.

So, for instance, pharmaceutical companies bury clinical trials which show bad results for a drug and publish only those that show a benefit. The trials are often run on small numbers of unrepresentative patients, and the statistical analyses are massaged to give as rosy a picture as possible. Entire clinical trials are run not as trials at all, but as under-the-counter advertising campaigns designed to persuade doctors to prescribe a company’s drug.

The bad behaviour extends far beyond the industry itself. Drug regulators, who do get access to some of the hidden results, often guard them jealously, even from academic researchers, seeming to serve the interests of the firms whose products they are supposed to police. Medical journals frequently fail to perform basic checks on the papers they print, so all sorts of sharp practice goes uncorrected. Many published studies are not written by the academics whose names they bear, but by commercial ghostwriters paid by drug firms. Doctors are bombarded with advertising encouraging them to prescribe certain drugs.

The danger with a book like this is that it ends up lost in abstract discussion of difficult subjects. But Dr Goldacre illustrates his points with a plethora of real-world stories and examples. Some seem almost too breathtaking to be true—but every claim is referenced and backed up by links to research and primary documents. In scenes that could have come straight from a spy farce, the French journal Prescrire applied to Europe’s drug regulator for information on the diet drug rimonabant. The regulator sent back 68 pages in which virtually every sentence was blacked out.

And of course, the upshot of all this is anything but abstract: doctors are left ignorant about the drugs they are prescribing, and which will make their patients sick or get well, or even live or die. Statins, for instance, lower the risk of heart attacks, and are prescribed to millions of adults all over the world. But there are several different sorts of statin. Because there is little commercial advantage to be gained by comparing the efficacy of the different varieties, no studies have done so in a useful way.

Bereft of guidance, doctors must therefore prescribe specific statins on the basis of little more than hunches or personal prejudice. As Dr Goldacre points out, if one drug is even a shade more effective than its competitors, then thousands of people prescribed the inferior ones are dying needlessly every year for want of a bit of simple research. That is a scandal. Worse, the bias and distortions that brought it about are repeated across the entire medical industry. This is a book that deserves to be widely read, because anyone who does read it cannot help feeling both uncomfortable and angry.

12 Catastrophes the Next President Must Avoid @Medici_Manager

BY DAVID ROTHKOPF | NOVEMBER 5, 2012 http://www.foreignpolicy.com/articles/2012/11/05/12_catastrophes_the_next_president_must_avoid

The more I come to understand about political leadership, the more I realize that some of the greatest achievements of America’s best leaders didn’t make the headlines and seldom show up in history books.  They were the things those leaders did not do, the paths they did not take, the wars they did not fight, the disasters they avoided.

Recently, Evan Thomas reminded us of one of the best examples of such leadership in Ike’s Bluff, his excellent new biography of Dwight Eisenhower. Eisenhower, demeaned by John F. Kennedy as a dull paper-pusher of a president, masterfully resisted the pressure from within his own party to dangerously confront the Soviets.  He avoided a cataclysmic war by overseeing a process that allowed Washington leaders to come to understand that there was a better path by which we could contain the Soviets, through strength combined with forbearance, and allow the weakness of their system to undermine them over time.

Other presidents have similarly succeeded by avoidance. George H.W.  Bush, to cite another example, deserves great credit for ensuring that when the Soviet empire did fall, as Eisenhower had much earlier worked to make happen, the transitions in Eastern Europe were peaceful.  Where there could have been chaos Bush reached out to other world leaders and produced an orderly handover of power. He also waged a war against Iraq after its invasion of Kuwait in which he made the wise decision not to continue on to Baghdad, avoiding a messy conflagration like that which would later consume his son’s presidency.

Both Eisenhower and Bush paid a price for their successes. Eisenhower’s image was for decades shaped by the Kennedy caricature of him, and it is only now that he is rightfully gaining recognition as being among the best presidents of the last century.  Bush did not win a second term as president in part because his accomplishments were too subtle to resonate with the public during the 1992 campaign.

We get a distorted view of real leadership when we discount sometimes hard to see accomplishments that come from presidents with vision, restraint, and a knack for behind-the-scenes deftness. This struck me again last week when President Obama and New Jersey Gov. Chris Christie toured the devastation wrought by Hurricane Sandy. They were hailed as leaders for their very public reaction to a crisis when in fact, real leadership would have involved avoiding the crisis in the first place — or reducing its consequences, as we might have done had Obama, Christie, and other officials taken warnings about the consequences of climate change, severe weather, and deteriorating infrastructure more seriously.  Indeed, just exercising enough prudence to take the measures that many urban planners around the world already do in areas threatened by such severe storms (regardless of their views about why such storms are now occurring with greater regularity) would have made the consequences of Sandy less grievous.

With Sandy fresh in our minds and Americans headed to the polls, it is worth looking ahead to consider what other avoidable catastrophes might be better measures of the next administration than stories the evening news can more easily point a camera at each night. Here are a dozen:

1. War with Iran — and a Nuclear Arms Race in the Middle East

The easiest war to avoid may be the one everyone sees coming. But in the case of conflict with Iran, it will not be so simple. In the first instance, to stop Iranian weapons development will require a more credible threat of military action from powers capable of derailing the program than currently exists.  Next, while there are sensible arguments that suggest Iran’s acquisition of nuclear weapons is not only unavoidable but may not be disastrous given our deterrent capacity, the bigger risk is not from Iran but from a world in which Iran’s rivals across the Persian Gulf, such as Saudi Arabia, to others in the region and emerging powers elsewhere around the world enter a nuclear arms race. Such a race would both geometrically increase the likelihood such weapons might be used but it would also sap precious resources from struggling economies that would better spend them elsewhere. It will take toughness with Iran and a recommitment to a new, more effective global nonproliferation regime as a top priority to avoid all those traps.

2. Regional Conflagration in the Middle East

The Greater Middle East has not been more dangerous since the darkest days of the Cold War. Today instability from Tunisia to Pakistan means there’s a real possibility of crises spreading rapidly — and connecting up with each other. Syria, already now a proxy conflict between Iran on the one side and various Gulf states on the other, is one such example. But imagine the consequences of a collapsing regime in Jordan or, even more likely, of what the coming reckoning in a fractured Iraq will look like. The next U.S. administration will be tempted to lean back and indeed, must embrace solutions led by regional actors more than ever before. But as with Iran, it will take vastly more effective use of formal and informal global mechanisms to keep a lid on this region.

3. Escalating U.S. Involvement in an Unraveling Africa

Africa is the new Middle East. It is rich with resources, unstable, and targeted by insurgents, extremists, and major powers for both these reasons. Civil wars, corruption, historic instability, Islamic extremists, humanitarian crises, more active U.S. and European military presences, and rising stakes for China and other emerging powers have created a volatile situation that could gradually escalate into the world’s newest quagmire.  Will the next U.S. president be sucked into the trap of incremental escalation like the that led to the Vietnam War?

4. The Next 9/11

Among those who have done the most with the least credit are those up and down the U.S. chain of command who have forestalled terror attacks. Since 9/11, the record of protecting the homeland and Americans around the world has been admirable. But the next president will have to do that, and then some: by avoiding another 9/11, I mean something more than confounding the plots of terrorists. I mean avoiding events that suck America into the orgy of political hysteria, government spending, and violating our own most cherished principles that marked our “war on terror.” It is not enough simply to neutralize terrorists. We need to ensure that we regain the perspective that allows us to respond to threats proportionally and in ways that do not damage our standing in the world or ability to lead.  (Note: Waves of drone attacks, cyber incursions, and special ops only meet the first half of this guideline.)

5. A Trade War with China

With sluggish economies in the United States and China and both countries engaging in artificial devaluation of their currencies, it’s easy to imagine scenarios that lead to conflict as blame-shifting escalates and populist impulses rule. That’s especially the case given that China through subsidies and other unfair practices has yet to start playing by the international trade rules it accepted over a decade ago. But confrontation could easily get out of hand, threaten China’s new leadership, and deteriorate into a real trade war.  Not only is this economically unhealthy for the world’s two largest (and very interdependent) economies but it would be diplomatically devastating since many of the biggest problems require a kind of cooperation between the two sides we have seldom seen before.

6. A U.S. Fiscal Catastrophe

The “fiscal cliff” is only the first among many huge challenges associated with getting America’s financial house in order. Failing to address these could further undercut America’s credit rating, our ability to invest in our future or protect ourselves, and even lead to default. Neither the world economy nor our own can withstand more of the kind of brinksmanship and denial practiced by Washington in the past decade. Tax increases and spending cuts in programs beloved by both political parties in America are absolutely essential to beginning a trajectory of improvement in this critical area.

7. A Japan-Style American Stagnation

Austerity alone will not, however, do the trick. America is at a moment of huge opportunity. Of the world’s developed economies, we are the one showing the most resilience.  We are home to a potential bonanza associated with new energy resources and we can borrow to invest in much needed infrastructure upgrades at very low cost (provided we do so wisely). We can make our educational system more effective at training the workers of tomorrow.  But this requires more than just speeches and modest gestures.  We must make growth a priority and yet do so in ways-such as removing regulatory obstacles, shifting from defense spending to investment spending at home, embracing foreign investment-that avoids the kind of multi-decade downturn that has straightjacketed Japan since the 1990s.

8. Economic Shocks from the Eurozone

While Europe made some progress in recent months toward calming market unease, austerity measures are likely to produce political pushback of a potentially extreme nature in the next couple of years. What’s more, global shocks from other international crises, whether a war in Iran or an escalating Middle East conflict, could make the bad situation in Europe worse and compound any geopolitical misfortune with nasty economic consequences.  Such political reversals could also renew discussion of breaking up the European Union (which may or may not be a bad thing) and make markets very skittish again (which would be).  The United States will have to find a way to remain actively engaged but this may become even more challenging as some of the promising “fixes” of 2012 turn into the setbacks of 2013 and beyond.

9.  Shocks From a Warming Climate

It may be too late. We may not be able to reverse the changes to our environment that are making severe storms more common, melting our ice caps, and producing record high temperatures. If that’s true, then we face a choice: reactive or proactive adaptation. Right now, we merely react, responding to disasters. But we could strengthen our sea walls, improve our electricity grids, rebuild ports and bridges and roadways. Of course, this should not supplant efforts to rein in carbon emissions-and we should embrace the fact that shifting from coal to gas power will help spur the American domestic energy revolution and create jobs and growth at home.  But the bigger point is that great leaders will be measured by how few tragic photo ops their successors feel obligated to stage in the wake of crises.

10. The Next Financial Market Crisis

Here’s the bad news: Global markets are rife with more risks today than they were in 2008. There are more too-big-to-fail banks. There are larger and more complex and opaque oceans of derivatives churning. There is still no global regulation. There are still major markets containing big bubbles from Chinese real estate to the price of gold worldwide. In short, there is still the potential for such a massive meltdown that it could make the crisis that ushered in the Obama era look like mere prelude. It is time to get much more serious about U.S. and international oversight and enforcement, investing in the tools and people needed to identify and avoid future upsets.

11. 1960s-Style Social Unrest

It seems a long shot. And indeed, social crisis from the Middle East to China to an increasingly nationalistic and xenophobic Europe is more likely. But American leaders must focus on what they can control. And if inequality continues to grow in the United States; if our underclass, with its skyrocketing high school dropout rates, continues to fall faster and faster behind; if fiscal austerity forces us to shrink social programs and shrinking tax bases crush the ability of cities to tackle their problems (or pay their pensions), America may see unrest evoking that of the 1960s…or worse. We run a great risk if we view what is happening in this country merely as a cyclical slowdown. Any society that pushes the rich and poor farther and farther apart is broken. And we need to address the problem just as we did the racial divides that haunted us in the ‘60s-as a matter of grave national urgency.

12. An Era of Permanent War

Cyberwar is often called “white collar conflict.” This is both a blessing and a curse. It is stealthy and may cause less loss of life than traditional armed conflicts. But this makes it more tempting to engage in. And a world in which nations constantly probe and injure one another from afar could turn out to be vastly more dangerous in the long run. Cyberattacks will produce damage that demands retribution. Trust and stability will be undermined. And societies will reel not just from attacks that target infrastructure or markets but also from the civil liberties likely to be constrained in an effort to reduce the likelihood of future intrusions. The next American administration needs to be careful that it does not see such attacks-or the other “limited footprint” tools of war, from drones to special operations-as so “low risk” that it over-utilizes them. Otherwise, we’ll be creating more risks than we alleviate.

Associazioni di pazienti: una questione di trasparenza @Medici_Manager @SIHTA_Italia

Nel 2007 una prestigiosa rivista medica come il British medical journal lanciava l’indagine Le associazioni di pazienti devono ricevere soldi dall’industria farmaceutica?. A distanza di anni il tema è ancora dibattuto, ma troppe associazioni di pazienti non sono ancora consapevoli di quanto e come il conflitto di interessi le tocchi direttamente, quali rischi comporta, come si possono affrontare. E soprattutto sono ancora poche le associazioni che lo dichiarano, in particolare in Italia.

Su 157 siti di associazioni di pazienti e cittadini italiane, poco meno del 30% dichiara di ricevere soldi dall’industria farmaceutica. Tutte però ricevono finanziamenti, come risulta dai siti delle industrie farmaceutiche finanziatrici. E’ il risultato di un’indagine condotta dall’Istituto Mario Negri e pubblicata di recente sulla rivista ad accesso libero PLoS ONE. L’ammontare dei finanziamenti viene riportato solo da tre associazioni, pari al 6% delle associazioni dichiaranti, le attività finanziate dalla metà.

Una situazione analoga accade in altri Paesi, con qualche differenza: su 69 siti di associazioni di pazienti e cittadini con sede negli Stati Uniti, Regno Unito, Australia, Sud Africa e alcune associazioni internazionali, di cui nessuna italiana, il 45% dichiara di ricevere finanziamenti dall’industria farmaceutica, nessuno dichiara l’entità dei finanziamenti.

Il punto critico della trasparenza non riguarda solo le associazioni di pazienti: dall’indagine dell’Istituto Mario Negri risulta che anche le industrie farmaceutiche, in particolare quelle con sede in Italia, lasciano a desiderare riguardo alla completezza delle informazioni sulle sponsorizzazioni riportate sui propri siti. Tra le 17 industrie farmaceutiche considerate, 13 (76%) dichiarano almeno un’associazione finanziata, di queste solo il 15% dichiara l’ammontare dei finanziamenti, il 30% le attività finanziate. Tutte hanno dato soldi ad almeno un’associazione di pazienti o cittadini considerata nell’indagine, come risulta dai siti delle associazioni.

Come per i finanziamenti ai medici, anche per i rapporti con le associazioni di pazienti le industrie farmaceutiche dovrebbero dichiarare le associazioni che finanziano, quanti soldi danno, per quali attività e progetti, pubblicando informazioni complete, aggiornate e accessibili sui propri siti internet. Allo stesso modo dovrebbero essere dichiarate le forme di sostegno indiretto, molto frequenti, come per esempio pagare spese o iscrizioni per partecipare a corsi o convegni, o fornire strutture e servizi.

Anche le associazioni di pazienti e cittadini che ricevono soldi dall’industria devono andare in questa direzione, e dichiarare in modo accessibile e completo i finanziamenti ricevuti.

Per alcune associazioni questo in parte già succede, e il dibattito interno su questi temi è avviato da tempo, molte altre sono ancora agli inizi: avviare un confronto tra associazioni di volontariato su questi temi può aumentare la consapevolezza critica e favorire uno scambio sulle pratiche di gestione dei rapporti con gli sponsor.

Questo testo è stato pubblicato su Partecipasalute

Per saperne di più

Kent A. Should patient groups accept money from drug companies? Yes. BMJ 2007; 334: 934-935.
Mintzes B. Should patient groups accept money from drug companies? No. BMJ 2007; 334: 334:935
Colombo C, Mosconi P, Villani W, Garattini S. Patient organizations’ funding from pharmaceutical companies: is disclosure clear, complete and accessible to the public? An italian survey. PLoS One. 2012;7(5):e34974. Epub 2012 May 9.
Ball DE, Tisocki K, Herxheimer A. “Advertising and disclosure of funding on patient organisation websites: a cross-sectional survey” BMC Public Health (2006) 6:201.http://www.biomedcentral.com/1471-2458/6/201
Godlee F. A sunshine act for Europe. BMJ 2011;343:d6593

Love or nothing: The real Greek parallel with Weimar @Medici_Manager @martinmckee

Athenians sitting in front of anti-government graffiti

Of all the operas written during Germany’s Weimar Republic (1919-33), probably the most haunting is the last.

Kurt Weill’s The Silver Lake, written with playwright Georg Kaiser, tells the story of two losers – a good-hearted provincial cop and the thief he has shot and wounded – as they make their way through a society ruined by unemployment, corruption and vice.

After spending a week again in Greece – amid riots, hunger and far right violence – I finally understood it.

The opera was meant to be Weill’s path back into the mainstream. It was his first break from collaborating with Bertolt Brecht, and was scheduled to open simultaneously in three German cities on 18 February 1933.

But on 30 January Adolf Hitler was appointed Germany’s chancellor.

The first performances of The Silver Lake were disrupted by Nazi activists in the audience and on 4 March 1933 it was banned. The score was torched, together with its set designs, in the infamous book-burning ceremony outside the opera house in Berlin.

It is easy to see why the Nazis didn’t like The Silver Lake. Weill was Jewish; the Nazi theatre critics found the music “ugly and sick”. Moreover the plot contains an allegory of the political situation on the eve of the Nazis’ rise to power.

But there has always been something else about The Silver Lake that goes beyond politics. Something hard to fathom.

Spending time in Greece, as the far right Golden Dawn party breaks up theatre performances with impunity, and street violence is common, I finally know what that something is.

The Silver Lake is ultimately about how people feel when they switch from resistance to hopelessness. And about how strangely liberating hopelessness can be.

Greece right now is a place with a lot of hopelessness. Its own prime minister, Antonis Samaras, has compared its atmosphere to that of the Weimar Republic.

“Greek democracy stands before what is perhaps its greatest challenge,” Mr Samaras told the German newspaper Handelsblatt. He said social cohesion is “endangered by rising unemployment, just as it was toward the end of the Weimar Republic in Germany”.

The comparison seems plausible: there are far right gangs meting out violence on the streets – a report last week identified more than half of all officially recorded racial attacks as perpetrated by people in paramilitary uniforms. Every demonstration ends with tear gas and baton charges.

There is mass unemployment. There is the collapse of mainstream parties. The press and broadcast media are struggling to remain independent, indeed solvent.

Yet the comparison with the “end of Weimar” only holds if you know nothing about the Weimar Republic itself.

Sadly this condition is common. School students are rightly taught lots about Nazi Germany – but not very much about the detail of how it came into being.

Here’s a short summary. In the elections of 1928 the Nazis, who had – like Golden Dawn in Greece – been reduced to a splinter group in the years of economic recovery, got just 2.7%.

But in March 1930, as the Wall Street Crash cratered the German economy, a cross-party coalition government of the centre left and right collapsed. It was replaced by the first of three “appointed” governments – designed to avoid either the communists or the now-growing Nazis gaining power.

It was led by Heinrich Bruning. Faced with a recession, Bruning followed a policy of austerity, while keeping Germany’s currency pegged to the Gold Standard (much as Greece as follows a policy of austerity dictated by euro membership). This made the recession worse.

As unemployment rocketed, so did the Nazi vote: in a shock breakthrough they came second in the elections of September 1930, with 18%. But Bruning was determined to crack down on both the right and left: he banned the Nazi paramilitary organisation, the sturmabteilung, along with the rival communist uniformed militia.

As recession worsened, the Nazis grew massively: they won the election in 1932, gaining 14 million votes (37%). The socialists and communists combined polled higher. And the parties of the centre collapsed. Yet the presidential system of appointing governments now allowed these very centrist parties to go on ruling Germany – now under a new Chancellor, the aristocrat Franz Von Papen.

Von Papen unbanned the Nazi stormtroopers in June 1932 and, as historian Ian Kershaw puts it in his definitive biography of Hitler: “The latent civil war… was threatening to become an actual civil war.”

By the end of 1932, with the communists now also growing rapidly, the political establishment made one last final attempt to keep Hitler out of power. Right wing general Kurt Von Schleicher was appointed chancellor, and tried to form a government with everybody from the left wing of the Nazis to the socialist trade unions. But this too fell, opening the door to Hitler.

Kershaw wrote: “Only crass errors by the country’s rulers could open up a path [for Hitler]. And only a blatant disregard by Germany’s power elites for safeguarding democracy – in fact, the hope that economic crisis could be used as a vehicle to bring about democracy’s demise and replace it by a form of authoritarianism – could induce such errors. Precisely this is what happened.” (Hitler: Hubris)

These names – Bruning, von Papen, Schleicher – troublesome though they are to remember, should be as famous as the words Stalingrad, Arnhem and Dunkirk.

These were the men who tried and failed to use a mixture of austerity, tough policing and what we might now call “technocratic” rule to save German democracy. They failed.

And herein lies the parallel with Greece: a country committed to austerity, whose centrist parties are clustered into a coalition which represents the forces of conservatism and social democracy. The coalition sees itself as the last bulwark against a government of the far left and is trying to crack down on extremism using a police force which has itself been criticised for extremist leanings.

But despite these parallels, Greece is not on the brink of a Weimar-style collapse.

Nor is it “in civil war” as claimed by a leader of the far right Golden Dawn movement on Newsnight last week. If anything, Greece has levels of instability and political radicalisation close to the levels seen in Germany in early 1930, not late 1933.

The problem is: Greece is approaching 1933 levels of economic collapse.

Unemployment was 30% in Germany when Hitler took power; it is 25.1% and rising in Greece. GDP collapsed by about 7% in both 1931 and 1932 in Germany. Its current rate of collapse in Greece is roughly the same: 7% per year. Germany’s banks had gone bust in 1931. Greek banks are effectively part nationalised already.

You can see the physical impact of this on Stadiou Street in Athens. I have reported from there numerous times in the past two and a half years, but this last time it looked desolate.

There was an arcade where, just over a year ago, I remember blogging about how small specialist businesses in Greece were doomed: the pen shop, the stamp collecting shop, the stationary store. They’re all gone now.

So is much of the street itself. The Art Nouveau cinema burned out last year; the Marfin Bank, next door, torched with the deaths of three workers during a riot in 2010.

On the walls somebody has spray-canned “Love or Nothing”. Right now there is a heck of a lot of nothing: shops closed, stripped, barred, graffitied, the fascias chipped off as ammunition in riots, burned out, gone.

And nowhere is the human impact of this weird situation, clearer than when you talk to young people.

I met Yiannis and Maria in a bare flat in Exarchia, the bohemian district of Athens. Despite their bruises and bandages they took some persuading to go on camera – anonymously and in their hoodies – to put on record their allegations of brutality in police custody.

What struck me, beyond their allegations (which are denied by the police,but partially corroborated by a coroner’s report), was their detachment from regular life.

They expected the police to be brutal, and to be fascists. They were outraged that they’d had to listen (they allege) to Golden Dawn propaganda in the police cells. But they were reluctant to bring a complaint within the system.

For tens of thousands of young people life is already lived in a semi-underground way: squatting instead of renting; cadging food and roll-ups from their friends. Drifting back to their grandparents villages, sofa surfing. Yiannis is a sporadically employed technician in a cultural industry; Maria a highly qualified professional who waits table.

The British author Laurie Penny has captured the situation in a recent memoir of a trip to Athens: “We came here expecting riots. Instead we found ourselves looking at what happens when riots die away and horrified inertia sets in.” (Penny L and Crabapple M, Discordia, Random House 2012)

Horrified inertia is now seeping from the world of the semi-outlawed young activists into the lives of ordinary people.

What people do – whether it is the black-hoodied anarchists in Athens or the young farmers in Thessaly on their third of fourth bottle of beer by lunchtime – is retreat into the personal.

It’s no longer “the personal is political” – but the personal instead of the political. True, demonstrators still turn out in large numbers, as in last week’s General Strike. But they go through the motions – of demonstrating, of rioting even.

“It’s just for show on both sides, the cops and the anarchists,” I was told by my Greek fixer as we legged it through stampeding people and tear gas.

A year ago the buzzword was “anomie” – the fear of anomic breakdown, in which small groups and communities just give up on law and order and make their own. I reported on it then:

Watch Paul’s report on anomic breakdown from September 2011

There is not even much anomic activism anymore; the movement that defied road tolls and disrupted the sale of repossessed homes – which was large in the Spring – is tiny now.

If anything captures the buzzword of late 2012 in Greece it is the person who sprayed the slogan “Love or Nothing”. It’s less about anomie, more about depression.

What has depressed much of Greek society – from the liberal centre right to the liberal left – is the rapid rise of Golden Dawn.

In the two elections of May/June 2012 it scored between 6-7%. Nothing like a 1930-style breakthrough.

But it has begun to do DIY law enforcement against migrants with no intervention from the police. At street markets in Messolonghi and Rafina its uniformed activists checked the permits of migrant stallholders, demonstratively destroying those who did not have permits.

With electoral data showing – on one count – 45% police personnel voting for Golden Dawn, there is rising concern that support for the far right is beginning to skew the operational priorities of the police at local level.

When I challenged Golden Dawn’s second in command, Ilias Panagiotaros, he claimed support within the police at “60% or more”. And he gave a chilling explanation of how Golden Dawn’s extra-judicial actions were affecting the rule of law. Referring to the market stall attacks he said:

“With one incident, which was on camera, the problem was solved – in every open market all over Greece illegal immigrants disappeared. There was some pushing and some fighting – nothing extraordinary, nothing special – only with one phone call saying Golden Dawn is going to pass by the police is going there meaning the brand name [of Golden Dawn] is very effective…”

Greece, in truth, has a massive and apparent problem with illegal migration. The centres of many cities are – or were until this summer – full of young, male migrants from Afghanistan, Somalia, Sudan and increasingly Syria.

Many Greeks do fear them, and they perceive them as a threat to social order and a traditional lifestyle – in a country that never had any colonies and therefore did not experience high ethnic diversity until recently.

The new policy – known as “Hospitable Zeus” is to round migrants up and put them in camps: police in plain clothes or uniforms visibly stopping every person of colour on the street, checking their papers, and if the papers are not in order processing them ultimately to a migrant detention camp.

Even as human rights groups protest this, and demand access to the camps, Golden Dawn has protested outside them on the grounds that conditions are too good there, and that deportations are not fast enough (about six thousand have been detained, with maybe three thousand deported). And even as the police round up the migrants, Golden Dawn’s policy is to terrorise them off the streets, and mount a legal campaign against companies who employ them.

The Greek media, meanwhile, has taken its cue to reinforce the association of migrants with crime. For those seeking an alternative view there are only the newspapers of the far left: the main liberal newspaper – Eleftheropia, an equivalent to the Guardian – went bust and has closed.

Economically, the Greek coalition is getting ready to impose the latest and last round of austerity: 13.5bn euro a year cuts and tax rises, in order to release 31bn euro worth of bailout money.

The moment it puts this to parliament we can expect a big and unruly protest. After that the Coalition just has to hold on and hope that its own electoral support does not go the way the German centrist parties went after 1932.

Unfortunately for them, however, electoral support is slipping. While New Democracy has maintained its poll rating at 27% (compared to 29% in the election), Pasok – the former governing socialist party – is down to 5.5%, neck and neck with coalition partner Democratic Left. The combined poll rating of the pro-austerity parties is now 38%.

Golden Dawn polled 14% last week, while the left wing Syriza party is leading the polls at 30% (taking many votes from the Communists, who are now down to 5%).

However, these poll ratings are unlikely to be tested in an election anytime soon. The EU is working overtime to keep the current coalition together, and as Pasok’s support dwindles to rock bottom, it has no incentive to risk an election now.

So for the majority of people who want the austerity to stop, and who do not want to be gassed, truncheoned, menaced or even to go on strike, there is only the “love or nothing” strategy.

Anecdotally the use of anti-depressants is rising. Penny’s book tells numerous tales of former political activists simply stunned by drink and drugs.

Which brings us back to The Silver Lake.

The “love interest” in Kurt Weill’s opera doesn’t start until the second half, with the arrival of Fennimore, a young woman trapped in a castle with the two losers and a scheming, reactionary aristocrat who has duped them out of their money.

Once Fennimore appears, the music becomes mesmerised and lyrical; it focuses on the combined hopelessness of the two men and the girl.

And in the final sequence – a dream-like 15 minutes during which the men set out to cross the castle’s lake, certain they will drown – there is a mixture of ecstasy and despair.

“You escape from the horror,” Fennimore sings; “that may destroy all we know. Yet the germ of creation will struggle to grow.”

“All this can be a beginning

“And though time turns our day back to night

“Yet the hours of dark will lead onwards

To the dawning of glorious light.”

I have always struggled to understand this ending: why, in the last days of Weimar, did Kurt Weill not pen some anthem of defiance against Nazism rather than a work which, ultimately, expresses resignation?

On the streets of Athens there is already the answer. You can feel what it is like when the political system – and even the rule of law – becomes paralysed and atrophies.

The “hopeless inertia” begins to grip even the middle classes, as the evidence of organised racist violence encroaches into their lives.

Faced with an economic situation dictated by the European Central Bank and the International Monetary Fund, and a street atmosphere resembling Isherwood’s Berlin, the natural human urge is not fight but flight.

Flight away from danger – flight into the cocoon of drugs, relationships, alternative lifestyles, one’s iPod.

After the first-night disruption of The Silver Lake in Leipzig this is how its director, Douglas Sirk, described the scene at the theatre:

“The sturmabteilung filled a fairly large part of the theatre and there was a vast crowd of Nazi Party people outside with banners and god knows what, yelling and all the rest of it. But the majority of the public loved the play… And so I thought at first, well, things are going to be tough but perhaps it isn’t impossible to overcome…[But] no play, no song, could stop this gruesome trend towards inhumanity.” (quoted in Kurt Weill On Stage, by Foster Hirsch)

And this is how the director of Corpus Christi, Laertis Vasiliou, whose play was once again disrupted by far right demonstrators in Athens on Thursday night, described it in a message to me just now:

“We went ahead with the performance, which started with two hours of delay because of the fight outside the theatre between the police against the Christian fundamentalists and the Nazis. It was like hell. The noise from outside was clear inside the theatre during the performance. People were beaten up by Nazis and Christian fanatics.”

The differences with the final days Weimar, then, are clear. Under international pressure, the Greek state is still capable of upholding the rule of law; centrist parties, though atrophied, still hold the allegiance of more than one third of voters; there has been no decisive electoral breakthrough by the far right.

Crucially, no major business or media groups, and no significant portion of the elite, have swung behind the far right as happened in Germany.

But this flight to inertia, depression, to personal life may also be more pronounced than in Weimar. Weimar Germany was after all a society of intense political engagement; of hierarchical politics, lifelong commitment to social movements, trade unions, military veterans’ groups.

So while the crisis may be on a scale weaker than the one that collapsed democracy in Greece, the forces holding democracy together may also be weaker.

When I interviewed Golden Dawn MP, Ilias Panagiotaros, two weeks ago, he was clear as to the party’s project: if Syriza wins the election, “we will win the one after that”.

“Revolution will take place after two elections by giving first place to Golden Dawn; now we are third, and maybe we will get second place – so it’s not a dream that in one, two or three years we will be the first political party.”

The leaders of the international community, busy negotiating the last-ditch austerity package that is supposed to precede a strategic rescue of the country know what the stakes are.

If they fail, a whole generation of Greek young people will be left, like Weill’s protagonists in The Silver Lake, with a choice between love or nothing.

Where the Candidates Stand on Medicare and Medicaid @ProPublica @Medici_Manager

Ecco come funziona l’informazione e la discussione su grandi temi politici nei paesi civili!

Possiamo chiedere ai nostri candidati alle prossime elezioni politiche, e ai giornalisti che li intervistano,  di farci sapere che cosa si impegnano a fare per il nostro Servizio Sanitario Nazionale?

by Suevon Lee ProPublica, Sept. 14, 2012 http://www.propublica.org/article/where-the-candidates-stand-on-medicare-and-medicaid

Medicare and Medicaid, which provide medical coverage for seniors, the poor and the disabled, together make up nearly a quarter of all federal spending. With total Medicare spending projected to cost $7.7 trillion over the next 10 years, there is consensus that changes are in order. But what those changes should entail has, of course, been one of the hot-button issues of the campaign.

With the candidates slinging charges, we thought we’d lay out the facts. Here’s a rundown of where the two candidates stand on Medicare and Medicaid:

THE CANDIDATES ON MEDICARE

Big Picture

Earlier this year, the Medicare Board of Trustees estimated that the Medicare hospital trust fund would remain fully funded only until 2024. Medicare would not go bankrupt or disappear, but it wouldn’t have enough money to cover all hospital costs.

Under traditional government-run Medicare, seniors 65 and over and people with disabilities are given health insurance for a fixed set of benefits, in what’s known as fee-for-service coverage. Medicare also offers a subset of private health plans known as Medicare Advantage, in which roughly one-quarter of Medicare beneficiaries are currently enrolled. Obama retains this structure.

The Obama administration has also made moves that it says would keep Medicare afloat. It says the Affordable Care Act would extend solvency by eight years, mainly by imposing tighter spending controls on Medicare payments to private insurers and hospitals.

In contrast, Rep. Paul Ryan, Mitt Romney’s running mate, has proposed a more fundamental overhaul of Medicare, which he says is on an “unsustainable path.” On hiscampaign website, Romney says that Ryan’s proposals “almost precisely mirrors” his ideas on Medicare. But he’s been fuzzy on other aspects of the plan.

A Romney-Ryan administration would replace a defined benefits system with a defined contribution system in which seniors are given federal vouchers to purchase health insurance in a newly created private marketplace known as Medicare Exchange. In this marketplace, private health plans, along with traditional Medicare, would compete for enrollees’ business. These changes wouldn’t start until 2023, meaning current beneficiaries aren’t affected – just those under 55.

Under the Romney-Ryan, the vouchers would be valued at the second-cheapest private plan or traditional Medicare, whichever costs less. Seniors who opt for a more expensive plan would pay the difference. If they choose a cheaper plan, they keep the savings.

Who’s covered

In the current system, people 65 and over are eligible for Medicare, which Obama has said he would keep for now.

Romney has proposed raising the eligibility age for Medicare beneficiaries from 65 to 67 in 2022, then increasing it by a month each year after that. In the long run, he wouldindex eligibility levels to “longevity.” Ryan’s budget plan proposesraising Medicare eligibility age by two months a year starting in 2023, until it reaches 67 by 2034.

Many others looking to keep Medicare solvent have also proposedraising the age of eligibility.

The Congressional Budget Office estimates that raising the minimum age from 65 to 67 would reduce annual federal spending by 5 percentBut it would also result in higher premiums and out-of-pocket costs for seniors who would lose access to Medicare.

Obama’s health care law also adds some benefits for seniors, such as annual wellness visits without co-pays, preventive services like free cancer screenings and prescription drug savings.

Proposed Savings

The Affordable Care Act is projected to reduce Medicare spending by $716 billion over the next 10 years. These reductions, as detailed by Washington Post’s Wonkblog, will come mostly from reducing payments to hospitals, nursing homes and private health care providers.

While Ryan criticized such spending cuts in his speech at the Republican National Convention, his own budget proposed keeping these reductions.

“The ACA grows the trust fund by giving more general revenue to the Treasury, which then gives the trust fund bonds. But it then uses the money from those bonds to expand coverage for low- and middle-income people,” explains Dylan Matthews on Washington Post’s Wonkblog.

Romney hasn’t really come up with a solid answer: he previously said he would restorethe $716 billion savings that the health care law imposes. Per this New York Timesstory, the American Institutes for Research calculates this would increase premiums and co-payments for Medicare beneficiaries by $342 a year on average over the next 10 years.

For more on where the candidates stand on the $716 billion, the private health policy Commonwealth Fund offers this helpful explanation.

Caps on Spending

Both Obama and Ryan have set an identical target rate that would cap Medicare spending at one-half a percentage point above the nation’s gross domestic product.

But they have different ideas on mechanisms to achieve it.

The Affordable Care Act establishes a 15-member Independent Payment Advisory Boardthat, starting in 2015, would make binding recommendations to reduce spending rates. As Jonathan Cohn points out in the New Republic, the commission is prohibited from making any changes that would affect beneficiaries.

Ryan has proposed hard caps on spending and derided this panel of appointed members as “unelected, unaccountable bureaucrats.” When laying out his plan in a 2011 memo, Ryan wrote that to control spending, “Congress would be required to intervene and could implement policies that change provider reimbursements, program overhead, and means-tested premiums.”

Romney hasn’t stated clear proposals for imposing a cap on spending.

THE CANDIDATES ON MEDICAID

Big Picture

Though, it’s far less discussed on the campaign trail, Medicaid actually covers more people than Medicare. The joint federal-state insurance program for the poor, the disabled, and elderly individuals in long-term nursing home care currently covers about 60 million Americans.  The Affordable Care Act has expanded Medicaid coverage further. Beginning 2014, Medicaid will include people under 65 with income below 133 percent of the federal poverty level (roughly $15,000 for an individual, $30,000 for a family of four). This was estimated to cover an additional 17 million Americans as eligible beneficiaries.

In June, however, the U.S. Supreme Court ruled that states could opt out of the Medicaid expansion. A ProPublica analysis estimated that the 26 states that challenged the health care law, and thus may possibly opt out, would account for up to 8.5 million of those new beneficiaries.

Romney and Ryan would overhaul this current system by turning Medicaid into a system of block grants: the federal government would issue lump sum payments to the states, who would determine eligibility criteria and benefits for enrollees. These grants would begin in 2013.

Effects on spending

The Congressional Budget Office estimates that Medicaid expansion under the new health care law would cost an additional $642 billion over the next 10 years.

Under the Ryan plan, federal Medicaid grants would be adjusted only for inflation, but not health care costs, which grow at a much higher rate. The CBO estimates Ryan’s plan would save the federal government $800 billion over the next 10 years. Another study conducted by Bloomberg News shows that the block-grants could decrease Medicaid funding by as much as $1.26 trillion over the next nine years.

Actual Impact                                                                                                     

The New York Times points out that more than half of Medicaid spending goes toward the elderly and disabled. An Urban Institute analysis estimates the Ryan plan would result in 14 million to 27 million fewer people receiving Medicaid coverage by 2021.

Though rarely mentioned by any of the candidates, Medicaid costs are soaring to cover the elderly who require long-term nursing care. As the Times’ details how, states saddled by high Medicaid costs have begun turning to private managed care plans to blunt the cost.

Half of drugs prescribed in France useless or dangerous @Medici_Manager @curiouscat_com @FLAHAULT

The doctors claim that the state wastes money on unnecessary medicine that they blame for up to 20,000 deaths annually

 in Paris guardian.co.uk, Friday 14 September 2012

http://www.guardian.co.uk/world/2012/sep/14/french-doctors-drugs-useless-dangerous

Half of all medicines being prescribed by doctors in France are either useless or potentially dangerous for patients, according to two eminent medical specialists. They blame the powerful pharmaceutical companies for keeping these drugs on sale at huge expense to the health system and the taxpayer.

Professor Philippe Even, director of the prestigious Necker Institute, and Bernard Debré, a doctor and member of parliament, say removing what they describe as superfluous and hazardous drugs from the list of those paid for by the French health service would save up to €10bn (£8bn) a year. It would also prevent up to 20,000 deaths linked to the medication and reduce hospital admissions by up to 100,000, they claim.

In their 900-page book The Guide to the 4,000 Useful, Useless or Dangerous Medicines, Even and Debré examined the effectiveness, risks and cost of pharmaceutical drugs available in France. Among those that they alleged were “completely useless” were statins, widely taken to lower cholesterol. The blacklist of 58 drugs the doctors claimed are dangerous included anti-inflammatories and drugs prescribed for cardiovascular conditions, diabetes, osteoporosis, contraception, muscular cramps and nicotine addiction.

The Professional Federation of Medical Industrialists denounced the doctors’ views as full of “confusions and approximations”.

“This book is helping to alarm those who are sick needlessly and risks leading them to stop treatments,” it saidin a statement.

Christian Lajoux, the federation’s president said: “It is dangerous and irresponsible … hundreds of their examples are neither precise nor properly documented. We must not forget that the state exercises strict controls on drugs. France has specialist agencies responsible for the health of patients and of controlling what information is given to them.”

Professor Even told the Guardian most of the drugs criticised in the book are produced by French laboratories. He accused the pharmaceutical industry of pushing medicines at doctors who then push them on to patients. “The pharmaceutical industry is the most lucrative, the most cynical and the least ethical of all the industries,” he said. “It is like an octopus with tentacles that has infiltrated all the decision making bodies, world health organisations, governments, parliaments, high administrations in health and hospitals and the medical profession.

“It has done this with the connivance, and occasionally the corruption of the medical profession. I am not just talking about medicines but the whole of medicine. It is the pharmaceutical industry that now outlines the entire medical landscape in our country.”

The French consume medication worth €36bn every year, about €532 for each citizen who has an average 47 boxes of medicine in cupboards every year. The state covers 77% of the cost, amounting to 12% of GDP; in Britain spending on medicines is 9.6% of GDP. “Yet in the UK people have the same life expectancy of around 80 years and are no less healthy,” said Even.

The authors were commissioned by former President Nicolas Sarkozy to write a report over the Mediator affair, a drug developed for diabetes patients but prescribed as a slimming aid, that has been linked to the deaths of hundreds of patients who developed heart problems.

However, Even accused the industry of having a get-rich-quick attitude to making medicines and said it was interested in chasing only easy profits. “They haven’t discovered very much new for the last 30 years, but have multiplied production, using tricks and lies.

“Sadly, none of them is interested in making drugs for rare conditions or, say, for an infectious disease in countries with no money, because it’s not a big market. Nor are they interested in developing drugs for conditions like Alzheimer’s or Parkinson’s disease because it too difficult and there’s not money to be made quickly.

“It has become interested only in the immediate, in short term gains. On Wall Street, the pharmaceutical industry is third after petrol and banking, and each year it increases by 20%. It’s more profitable than mining for diamonds.”

Asked to explain French people’s apparent dependence on medication, Even said: “For the last 40 years patients have been told that medicines are necessary for them, so they ask for them. Today we have doctors who want to give people medicines and sick people asking for medicines. There’s nothing objective or realistic about this.”

He added: “There is nothing revolutionary in this book. This has all been known for some time.”

$765 billion wasted by medical industry in 2009 could pay for health care reform @ProPublica @Medici_Manager

A Costly Equation: Medical Dollars Wasted Are Greater Than the U.S. Defense Budget

by Marshall Allen ProPublica, Sept. 18, 2012

http://www.propublica.org/article/a-costly-equation-medical-dollars-wasted-are-greater-than-the-u.s.-defense

I’ve heard a lot of reports about the staggering amount of fraud, overtreatment and unnecessary health care in the United States. But the recent “Best Care at Lower Cost” report by the Institute of Medicine included this stunner: In 2009, the health care system wasted an estimated $765 billion– more than the entire budget of the Department of Defense.

I’ve got to hand it to the IOM committee for finding an interesting way to give those numbers a punch.
The report outlined the varieties of waste: Care is provided that’s not based on evidence; discretionary care is used too much; high cost options are chosen rather than avoided; care is fragmented; insurance administration and paperwork are inefficient; and fraud is at every level. The estimates of money poorly spent included:

  • $210 billion on overuse and unnecessary care.
  • $130 billion in inefficiency, including mistakes and harm.
  • $190 billion in excess administrative costs.

Whose money is being wasted? Yours and mine. Medical inflation increases health insurance premiums. In 2010, Medicare spent anestimated $48 billion– our tax dollars – on overpayment and waste. But the most tragic victims are people who need medical care but don’t have the money to pay for it. The cost of care is a major barrierto many patients, and its driven higher by waste.
Who’s profiting from the status quo? Members of the health care industry – though certainly not everyone is feeding at the trough.When I wrote recentlyabout unnecessary stents, Dr. David Brown, an interventional cardiologist and professor of medicine at SUNY-Stony Brook School of Medicine, told me unnecessary treatment persists because “the medical system is addicted to the revenues that it generates.”
And here’s the kicker: The debates about health care reform might be moot if we eliminated the waste. The net cost of healthcare reform (i.e., President Obama’s Affordable Care Act) is estimated to be $1.1 trillion over a 10 year period. That’s less than two years of the estimated waste in health care.
So what do you think? The system is hemorrhaging money. What can be done to stop it? Have you had experiences with any medical facilities working in innovative ways to cut costs?

Super Mario to the Rescue @Medici_Manager

By  Published: September 10, 2012 http://www.nytimes.com/2012/09/11/opinion/super-mario-to-the-rescue.html

Germany’s Mannschaft has always been a formidable soccer team. Its chief quality has been a tenacity and tempo capable of overcoming all odds. This is not to say that Germany has failed to produce great footballers — Gerd Müller, Karl-Heinz Rummenigge and Franz Beckenbauer come to mind. It is merely to say collective power has trumped individual prowess.

David Smith

Mario Draghi, president of the European Central Bank.

Damon Winter/The New York Times Roger Cohen

But against one team Germany always breaks down as if caught in a web. It pushes, it presses, it pounds — and it flounders. That team is Italy, whose 2-1 victory over the favored German side in this year’s European Championship extended a long run of major-tournament domination over Germany. Italian malleability and artistry are too much for German diktat.

All of this comes to mind as I watch Super Mario undo Germany with a series of feints that have left hardline Bundesbank bruisers looking as nimble and effective as beached whales. (With a battle cry of “You will not short me!” Super Mario has also gone mano-a-mano with the hedgies betting against the euro, but that is another story.)

Little by little, Mario Draghi, the Italian president of the European Central Bank, has taken an institution whose overriding mission was to keep inflation in check — the obsession that built the Deutsche Mark — and turned it into a lender of last resort prepared to throw everything into buying the distressed euro-zone sovereign debt of countries like Spain and Italy and so preserve the euro. “Whatever it takes,” Draghi says. He means it.

Many Germans are not happy, convinced an inflationary southern rot is setting in, but Draghi is right. Europe is irreversible; for that, at this point, the euro must be, too. The preamble to the U.S. Constitution speaks of “a more perfect union.” The founding European treaties speak of “ever closer union.” For neither has the road to union been devoid of battles between north and south. But the cause has been worth the fight on both sides of the Atlantic: There simply is no greater one. For Europe the approaching centennial of the outbreak of World War I should be sufficient reminder of that.

But people have short memories. They think the euro is a dispensable experiment, a technical construct or a hedgie’s plaything, when it is the solemn gage of German commitment to a united Europe — a project that, like most great undertakings, comes at a price.

For both Germany and Italy, the European Union was a way out of post-war devastation and shame. For Italy, in addition, it was a way “to scale the Alps,” to tie itself to the more developed parts of Europe and resist the chaotic tug of its southern half. Now a united Germany views Europe more as actuary than supplicant. In Italy, by contrast, a certain European idealism endures. One way to view Draghi’s battle with Jens Weidmann and the Bundesbank is this: A big idea (Europe) versus a smaller one (price stability).

But what good is a Europe where the treaty-stipulated role of the central bank is being finessed by Super Mario, where Germany becomes the permanent subsidizer of debtor nations like Spain and Italy, and where depression and unemployment become the enduring lot of poorer countries unable to regain competitiveness through devaluation?

The answer is that this is not a good Europe. The immediate future will be very tough, but it is a lot better than the tumultuous alternative of Europe’s unraveling; and in this crisis the seeds of ever greater European integration are being sown. (If the E.C.B. is now the Fed, what must the European Union become?) The euro was a hasty marriage precipitated by the end of the Cold War, the quid pro quo of Germany’s anxious neighbors for its unification. This crisis is a belated post-bubble reckoning with the implications of that act.

And so the push is now on toward necessary conditions of a shared currency like fiscal union — Draghi’s unlimited purchase of bonds is conditioned on tough fiscal adjustment programs — and a banking union built around a new euro-zone supervisor. The path to both will be rough. Politicians’ interests are at stake. Economies are shrinking. But whatever the howls it is clear enough this far into the euro crisis that “ever closer union” is an obstinate idea that has entered the European consciousness, even if it goes unmentioned.

Certainly, it is present in Chancellor Angela Merkel’s mind. She lived under Communism in a Germany divided by the consequences of fascism and so knew the two great scourges of 20th-century Europe. Slowly, cautiously, falteringly she has moved in the right direction and deserves credit.

Draghi the Jesuit has helped her, with his elliptical phrases and very Italian capacity to zigzag to the objective. It is tempting to compare him to Alexander Hamilton at the time of the U.S. assumption crisis. But I prefer to see him as Andrea Pirlo, the Italian midfielder with 360-degree vision, never hurried, always assured, master of the short and the long pass, bane of Germany, a fantasist who hits the target with precision.

You can follow Roger Cohen on Twitter at twitter.com/nytimescohen , and on Facebook at facebook.com/RogerCohenReporter .

 

 

La Germania deve decidere: o guida l’Unione o la lascia! @Medici_Manager @georgesoros

Un saggio di George Soros sui rischi di frantumazione dell’Europa su  New York Review of Books http://www.georgesoros.com/articles-essays/entry/the_tragedy_of_the_european_union/, tradotto su http://lettura.corriere.it/debates/ultimatum-a-berlino/

La tragedia dell’Unione europea.

Sono sempre stato un fervido sostenitore dell’Unione europea quale incarnazione ideale di una società aperta, associazione volontaria di stati membri paritari che hanno rinunciato a parte della loro sovranità per il bene comune. Ma oggi la crisi dell’euro sta trasformando l’Unione europea in qualcosa di profondamente diverso. Gli stati membri sono divisi in due categorie – creditori e debitori – e i creditori sono al comando, con la Germania in testa. In base alla normativa attuale, i paesi debitori pagano un cospicuo premio di rischio per finanziare i propri deficit di bilancio e questo si riflette nel costo dei finanziamenti in generale. Una situazione, questa, che ha trascinato in recessione i paesi debitori esponendoli a un considerevole svantaggio competitivo, che minaccia di diventare permanente. È questo il risultato non di un piano deliberato, bensì di una serie di errori in politica economica contestuali all’introduzione dell’euro. Si sapeva benissimo che l’euro era una moneta incompleta, dotata sì di banca centrale ma non di un ministero del tesoro. I paesi membri tuttavia non si resero conto che nel rinunciare al diritto di stampare la loro valuta si esponevano al rischio di fallimento. I mercati finanziari se ne sono accorti solo all’inizio della crisi greca. Le autorità finanziarie non hanno capito il problema, e stentano tuttora a tratteggiare una possibile soluzione. Nel frattempo, cercano di temporeggiare. Ma invece di migliorare, la situazione è peggiorata, e la causa di tutto ciò è da ricercarsi in una profonda mancanza di comprensione e di unità in seno all’Unione europea.

Sarebbe stato possibile fermare il corso degli eventi e invertire la rotta in qualsiasi momento, ma questo avrebbe richiesto un piano concordato e ampie risorse finanziare per condurlo a buon fine. La Germania, il maggior paese creditore, si è trovata ai comandi, ma si è rivelata riluttante ad accollarsi ulteriori perdite e svantaggi: di conseguenza, ogni opportunità per risolvere la crisi è andata perduta. Dalla Grecia, la crisi ha contagiato altri paesi in difficoltà e ben presto è stata rimessa in questione la sopravvivenza stessa della moneta unica. Ma siccome lo sgretolamento dell’euro produrrebbe danni incalcolabili a tutti gli stati membri, e in particolar modo alla Germania, questa continuerà a fare il minimo necessario per tenere insieme l’euro.

Le misure di politica economica portate avanti sotto la leadership tedesca riusciranno probabilmente a mantenere in piedi l’euro per un periodo indefinito, ma non per sempre. La divisione permanente instauratasi in seno all’Unione europea tra paesi creditori e debitori – con i creditori che dettano le loro condizioni – appare politicamente inaccettabile. Se e quando l’euro verrà abbandonato, la conseguenza principale sarà lo smantellamento del mercato comune e dell’Unione europea. L’Europa intera si ritroverà in condizioni assai peggiori di quando furono gettate le basi dell’unificazione, perché la rottura si lascerà alle spalle uno strascico di ostilità e di risentimento reciproco. E più verrà dilazionato l’abbandono dell’euro, più tragico sarà il risultato finale. La prospettiva difatti appare talmente spaventosa che è venuto il momento di valutare eventuali alternative fino ad oggi considerate impensabili.

A mio giudizio, la strada migliore da seguire è quella di persuadere la Germania a scegliere tra queste due strade: mostrarsi un paese egemone solidale con l’Unione, oppure uscire dall’euro. In altre parole, la Germania deve guidare l’Europa o uscire dall’Europa.

Poiché tutto il debito accumulato è denominato in euro, è cruciale stabilire chi resterà a capo della moneta comune.

Il debito emesso sotto la legislazione interna può essere ri-denominato nella valuta interna, il debito emesso sotto la legislazione estera non può essere ridenominato. Le implicazioni sono state ampiamente analizzate da Jens Nordvig nella sua analisi, insignita del Premio Wolfson per l’economia.

Se la Germania uscisse dall’euro, la moneta unica si svaluterebbe. Il fardello del debito resterebbe immutato in termini nominali, ma in termini reali si ridurrebbe. I paesi debitori ritroverebbero la competitività perché le loro esportazioni risulterebbero più economiche e le importazioni più costose. Anche il valore immobiliare si apprezzerebbe in termini nominali, ovvero varrebbe di più in euro svalutati. I paesi creditori, dal canto loro, si ritroverebbero a far fronte a perdite negli investimenti nell’area euro, nonché sulle richieste di riscossione accumulate all’interno del sistema di esecuzione dei pagamenti in euro. L’ammontare di queste perdite dipenderà dall’entità della svalutazione, pertanto i paesi creditori avranno interesse a mantenere la svalutazione entro certi limiti.

Tale operazione porterebbe alla realizzazione del sogno di John Maynard Keynes, che invocava un sistema valutario internazionale nel quale sia i creditori che i debitori condividono pari responsabilità per la tutela della stabilità. E l’Europa riuscirebbe a sottrarsi alla minaccia della recessione. Lo stesso risultato potrebbe essere raggiunto, con costi inferiori per la Germania, se la Germania decidesse di agire come un paese egemone solidale. E ciò significherebbe:

1) offrire condizioni operative più o meno paritarie tra paesi creditori e debitori, e

2) puntare a una crescita nominale non inferiore al 5 percento. In altre parole, all’Europa sarà consentito superare il suo indebitamento eccessivo grazie alla crescita.

Questo percorso però implicherebbe un livello di inflazione maggiore rispetto a quanto la Bundesbank sia disposta ad accettare.

Che la Germania decida di guidare l’Europa o di lasciare l’Europa, ciascuna di queste alternative appare preferibile al proseguire sull’attuale cammino. La difficoltà sta nel persuadere la Germania che le sue decisioni in questo momento stanno spingendo l’Europa verso una recessione prolungata che rischia di sfociare in conflitti politici e sociali, fino a un’eventuale rottura non solo dell’euro, ma anche dell’Unione europea. La domanda – alla quale tenterò di dare una risposta – è la seguente: come fare a convincere la Germania a operare una scelta precisa, vale a dire accettare tanto le responsabilità quanto le perdite che un paese egemone solidale deve inevitabilmente accollarsi, oppure abbandonare l’euro nelle mani dei paesi debitori che indubbiamente se la caverebbero molto meglio con le loro sole forze?

Come siamo arrivati a questo punto.

Ai suoi albori, l’Unione europea incarnò quello che gli psicologi chiamano “un oggetto fantasmatico”, ovvero un traguardo ambito che seppe catturare l’immaginazione di molti, compresa la mia. Per me l’Europa unita rappresenta l’ideale realizzato di una società aperta: l’unione di cinque grandi stati e diversi stati minori, dove tutti condividono i principi di democrazia, libertà individuale, diritti umani e rispetto della legalità. Nessuna nazione né nazionalità occupa una posizione dominante. Benché la burocrazia di Bruxelles sia stata spesso accusata di “scarsa democrazia”, i parlamenti eletti dei singoli stati hanno sempre approvato i grandi passi via via compiuti nel corso degli anni.

Il processo di integrazione è stato promosso con forza da un piccolo gruppo di statisti lungimiranti che praticavano un processo di ingegneria sociale a tassello, così definito da Karl Popper. Ben sapendo che la perfezione è irraggiungibile, i padri fondatori dell’Europa si erano posti obiettivi limitati e scadenze precise, per poi mobilitare la volontà politica affinché venisse compiuto un piccolo passo in avanti. Erano tuttavia consapevoli che l’inadeguatezza di quel piccolo passo sarebbe stata subito palese e avrebbe richiesto un successivo sforzo. Il processo si è evoluto, alimentato dai propri successi, proprio come una bolla finanziaria. È così che la Comunità per il carbone e l’acciaio gradualmente si è trasformata nell’Unione europea, un passo alla volta.

La Francia e la Germania sono sempre stati i maggiori sostenitori dell’iniziativa. Quando l’impero sovietico cominciò a vacillare, i leader tedeschi, rendendosi conto che la riunificazione delle due Germanie era possibile solo nel contesto di un’Europa ancora più unita, si sono mostrati pronti a ogni sacrificio pur di ottenerla. Nel corso delle trattative, hanno sempre concesso qualcosa di più e accettato qualcosa di meno rispetto agli altri, facilitando così gli accordi. In quel periodo, gli statisti tedeschi affermavano che la Germania non aveva una politica estera indipendente, al di fuori di una politica europea. E questo ha prodotto un’enorme accelerazione del processo di integrazione, culminato con la firma del Trattato di Maastricht nel 1992 e con l’introduzione dell’euro nel 2002.

Ma il Trattato di Maastricht era gravato da numerosi difetti sin dal suo concepimento. Gli architetti stessi dell’euro riconoscevano che si trattava di una costruzione incompleta: la moneta unica era dotata di una banca centrale comune ma mancava un comune ministero del tesoro in grado di emettere titoli condivisi da tutti gli stati membri. Gli Eurobond incontrano ancora oggi forti resistenze in Germania e in altri paesi creditori. Gli architetti dell’euro erano convinti, tuttavia, che nel momento della necessità tutti gli stati membri avrebbero espresso la volontà di varare le misure necessarie verso un’unione politica. Dopo tutto, così è nata l’Unione europea. Sfortunatamente, l’euro aveva però molte altre pecche, di cui né gli architetti né gli stati membri erano pienamente a conoscenza. Queste sono emerse nel corso della crisi finanziaria del 2007-8, che ha avviato il processo di sfaldamento.

Nella settimana successiva alla bancarotta di Lehman Brothers, i mercati finanziari globali crollarono e furono mantenuti in vita artificialmente. Per far questo, il credito sovrano (sotto forma di garanzie della banca centrale e deficit di bilancio) è andato a rimpiazzare il credito delle istituzioni finanziarie che non era più accettato dai mercati. Proprio il ruolo centrale che è stato addossato al credito sovrano ha svelato un difetto dell’euro, fino ad allora rimasto nascosto e non ancora adeguatamente riconosciuto. Nel trasferire alla Banca centrale europea quello che era stato in passato il loro diritto a stampare moneta, gli stati membri hanno esposto il loro credito sovrano al rischio di fallimento o default. I paesi sviluppati che controllano la loro moneta non hanno alcun motivo di fallire, possono sempre stampare altri soldi. La loro valuta perderà di valore, ma il rischio di fallimento è praticamente inesistente. In contrasto, i paesi meno sviluppati che accettano prestiti in valuta straniera devono pagare premi che riflettono il rischio di default. Ad aggravare la situazione, i mercati finanziari possono realmente causare il fallimento di questi paesi attraverso manipolazioni speculative dei mercati – vendita a breve dei loro titoli per spingere ancora più in alto il costo dei prestiti, aggravando così i timori di un fallimento imminente.

Quando fu introdotto l’euro, i titoli di stato erano considerati privi di rischi. I regolatori consentivano alle banche di acquistare quantitativi illimitati di titoli di stato senza mettere da parte alcun capitale di garanzia, e la Banca centrale europea accettava tutti i titoli di stato con la discount window (possibilità per le banche di chiedere in prestito direttamente il denaro alla banca centrale a tassi di favore) a pari condizioni. Così facendo, era vantaggioso per le banche commerciali accumulare i titoli dei paesi membri più deboli, che pagavano tassi di interessi leggermente superiori, per poter guadagnare qualche punto base in più.

In seguito alla crisi di Lehman Brothers, Angela Merkel dichiarò che la garanzia che a nessun’altra importante istituzione finanziaria, interna al sistema, sarebbe stato consentito di fallire, doveva essere offerta da ciascun paese separatamente, e non dall’Unione europea in un’azione congiunta. È stata questa la prima picconata in un processo di disintegrazione che minaccia in questo momento di distruggere l’Unione europea.

I mercati finanziari hanno impiegato più di un anno per accorgersi delle implicazioni della dichiarazione della cancelliera Merkel, a dimostrazione che operano con conoscenze lungi dall’essere complete ed esaurienti. Solo nel dicembre del 2009, quando il governo greco appena eletto dichiarò che il precedente governo aveva truccato i conti e che il deficit dello stato superava il 15 percento del PIL, i mercati finanziari si sono resi conto che i titoli di stato, fino ad allora considerati privi di rischi, erano invece gravati da rischi notevoli ed erano esposti al default. Successivamente a questa scoperta, i premi di rischio (sotto forma di rendimenti maggiori che i governi erano costretti ad offrire per vendere i loro titoli, il cosiddetto spread) sono cresciuti in maniera drammatica. E questo a sua volta ha spinto le banche commerciali, i cui bilanci erano carichi di quei titoli, sull’orlo dell’insolvenza. La situazione ha innescato la crisi del debito sovrano e la crisi bancaria, che sono collegate tra di loro e si alimentano a vicenda. Sono questi i due fattori principali della crisi che l’Europa si trova oggi ad affrontare.

Esiste una stretta analogia tra la crisi dell’euro e la crisi bancaria internazionale del 1982. Allora il Fondo monetario internazionale e le autorità bancarie internazionali salvarono il sistema bancario mondiale prestando il denaro necessario ai paesi più pesantemente indebitati per consentire loro di evitare il fallimento, ma così facendo li spinsero in una recessione prolungata. L’America latina si ritrovò in una stagnazione trascinatasi per un intero decennio.

Oggi è la Germania a svolgere un ruolo simile a quello del Fondo monetario internazionale nel 1982. Il contesto è diverso, ma le conseguenze sono identiche. I creditori stanno effettivamente spostando tutto il fardello della rettifica della compensazione sui paesi debitori, evitando le proprie responsabilità per gli scompensi creati. È interessante notare come i termini “centro” e “periferia” si siano insinuati nell’uso corrente quasi di soppiatto, poiché appare chiaramente improprio descrivere Italia e Spagna come paesi periferici. In realtà, tuttavia, l’introduzione dell’euro ha relegato alcuni stati membri nella posizione di paesi meno sviluppati senza che le autorità europee, né gli stati membri stessi, se ne accorgessero. In retrospettiva, la crisi dell’euro trae origine proprio da questo.

Come negli anni Ottanta, anche oggi tutta la colpa e gli oneri sono stati addossati alla “periferia”, senza mai valutare adeguatamente le responsabilità del “centro”. In questo contesto, la parola tedesca Schuld è assai rivelatrice: essa significa al contempo debito e colpa. L’opinione pubblica tedesca accusa i paesi più pesantemente indebitati di essere causa dei loro stessi mali. Ma la Germania non può sottrarsi alla sua parte di responsabilità. Sono convinto difatti che la responsabilità, o Schuld, del “centro” sia ancor più grave oggi di quella che fu nella crisi bancaria del 1982. Nel creare l’euro, il “centro” è stato guidato dalle stesse false dottrine economiche che hanno prodotto la crisi finanziaria del 2007-8. Il Trattato di Maastricht dava per scontato che solo il settore pubblico fosse in grado di produrre deficit cronici, presumendo invece che i mercati finanziari sarebbero sempre stati in grado di correggere i propri eccessi. Sebbene questi presupposti dogmatici sul funzionamento dei mercati siano stati clamorosamente smentiti dalla crisi finanziaria del 2007-8, le autorità europee continuano a rispettarli. Per esempio, hanno trattato la crisi dell’euro come se fosse un semplice problema fiscale o di bilancio. Ma solo la Grecia rappresenta una vera crisi fiscale. Il resto dell’Europa è travagliato invece da difficoltà bancarie e da una forbice nella competitività che ha innescato a sua volta scompensi nella bilancia dei pagamenti. Le autorità non hanno capito la complessità della crisi, figuriamoci una possibile soluzione. Pertanto hanno cercato di prendere tempo.

E di solito l’espediente funziona. Il panico finanziario si placa e le autorità raccolgono i profitti del loro intervento. Ma stavolta no, perché i problemi finanziari sono andati di pari passo con un processo di sfaldamento politico. Quando l’Unione europea era in fase di creazione, i leader politici prendevano l’iniziativa di nuovi passi in avanti; ma allo scoppio della crisi finanziaria tutti i leader si sono aggrappati allo status quo, rendendosi conto che i cittadini ormai stentano a credere in una maggiore integrazione. In situazione di difficoltà, ciascun paese si è preoccupato di proteggere i propri esclusivi interessi nazionali. Era previsto che qualsiasi cambiamento nelle regole avrebbe trasferito il potere dalle autorità europee basate a Bruxelles per riconsegnarlo alle autorità nazionali. Pertanto, le parole dei trattati di Maastricht e di Lisbona sono state considerate vincolanti, come per esempio l’Articolo 123, che proibisce alla Banca centrale europea di prestare soldi ai singoli governi. Questo ha spinto molti di coloro che considerano lo status quo insostenibile o intollerabile ad adottare atteggiamenti anti europei. È stata questa la dinamica politica che ha reso la disintegrazione dell’Unione europea un argomento altrettanto convincente di quanto fosse stato il processo di creazione.

Angela Merkel ha interpretato correttamente lo stato d’animo del suo paese insistendo che ciascun governo deve farsi carico del proprio sistema bancario. In realtà la Germania ha mutato posizione dopo la riunificazione. Proprio come allora era stata disposta a fare notevoli sacrifici in nome della riunificazione, una volta realizzata questa operazione la Germania si è concentrata nel mantenere il pareggio di bilancio. Lungi dal contribuire un po’ più degli altri, la Germania si è guardata bene dal diventare il portafoglio del resto d’Europa. Anziché ribadire che la Germania non aveva altra politica tranne quella europea, la stampa tedesca ha cominciato ad accusare l’Unione europea di essere “l’unione dei salvataggi”, con il rischio di dissanguare il paese. Ad aggravare la situazione, la Bundesbank è rimasta aggrappata a una dottrina monetaria superata, che tuttavia è profondamente radicata nella storia tedesca. In seguito alla Prima guerra mondiale, la Germania patì un’esperienza traumatica a causa dell’inflazione, e pertanto ancora oggi vede nell’inflazione esclusivamente una minaccia alla stabilità, e ignora la deflazione, che in questo momento rappresenta invece il vero spauracchio per l’Europa.

Quando la riunificazione fece esplodere il debito tedesco, la Germania seppe introdurre riforme radicali del mercato del lavoro e numerose riforme strutturali, e adottò un emendamento costituzionale che impone al bilancio federale di raggiungere il pareggio entro il 2017. Le misure varate hanno funzionato a meraviglia. La Germania ha goduto di una ripresa economica trascinata dall’esportazione, nonché aiutata dal mercato immobiliare e dai consumi in risalita nel resto d’Europa. Oggi la Germania prescrive a tutti austerità fiscale e riforme strutturali come unico rimedio per la crisi dell’euro. Perché mai non dovrebbero funzionare per l’Europa di oggi, se hanno funzionato per la Germania di ieri? Per una buona ragione: le condizioni economiche sono molto diverse. Il sistema finanziario globale sta riducendo la sua leva eccessiva e le esportazioni rallentano in tutto il mondo. Il rigore fiscale in Europa è esacerbato da una tendenza globale e sta spingendo l’Unione nella trappola deflazionistica del debito. Quando troppi governi pesantemente indebitati si sforzano di ridurre il deficit di bilancio, la loro economia rallenta e si contrae, facendo paradossalmente lievitare il deficit come percentuale del PIL. Le autorità monetarie mondiali riconoscono questo pericolo. Il presidente della Federal Reserve, Ben Bernanke, il governatore della Banca d’Inghilterra, Mervyn King, e persino Masaaki Shirakawa, governatore della Banca del Giappone, hanno tutti adottato misure monetarie non convenzionali per evitare la trappola deflazionistica del debito.

L’opinione pubblica tedesca trova molto difficile capire che la Germania sostiene una politica sbagliata in Europa. L’economia tedesca non è in crisi, anzi, finora la Germania ha approfittato della crisi dell’euro, che ha tenuto basso il tasso di cambio e ha facilitato le esportazioni. Di recente la Germania ha goduto di tassi di interesse bassissimi e i capitali fuggiti dai paesi debitori si sono riversati in Germania, proprio nel momento in cui la “periferia” si è vista costretta a pagare grossi premi di rischio per accedere ai finanziamenti.

Non siamo certo davanti a qualche losco complotto, bensì alla conseguenza imprevista di un susseguirsi di eventi non pianificati. I politici tedeschi, tuttavia, hanno cominciato a fiutare i vantaggi che la situazione ha conferito alla Germania e questo sta influenzando le loro scelte economiche. La Germania si ritrova oggi in una posizione dove il suo atteggiamento è determinante per la politica europea. Perciò la responsabilità primaria per una politica di austerità che spinge l’Europa in depressione è da addossare alla Germania. Con il passar del tempo, vi sono sempre più ragioni per biasimare la Germania per le politiche che sta imponendo all’Europa, mentre i cittadini tedeschi si sentono ingiustamente incolpati. Siamo davanti a una tragedia di proporzioni storiche. Come nelle antiche tragedie greche, gravi malintesi da una parte e una vera e propria mancanza di comprensione dall’altra stanno portando a conseguenze involontarie ma fatali.

Se la Germania fosse stata disposta, all’inizio della crisi greca, a offrire il credito che poi è stato offerto in un momento successivo, la Grecia avrebbe potuto facilmente salvarsi. Ma l’Europa ha fatto solo il minimo indispensabile per evitare il collasso del sistema finanziario e questo non è bastato a invertire la rotta. Lo stesso è accaduto quando la crisi si è allargata agli altri paesi. In ciascuna fase, la crisi avrebbe potuto essere fermata ed evitata se la Germania fosse stata in grado di guardare oltre la curva e disposta a fare qualcosa in più del minimo indispensabile.

All’inizio della crisi, la rottura dell’euro era impensabile. Le attività e le passività denominate nella moneta comune erano talmente compenetrate che una rottura avrebbe portato a un collasso incontrollato. Ma con l’avanzare della crisi il sistema finanziario si è progressivamente riorientato sulla compagine nazionale. I regolatori hanno favorito il prestito interno, le banche hanno scaricato gli asset fuori dai confini nazionali e i manager del rischio si sono sforzati di bilanciare attività e passività all’interno dei confini nazionali, anziché nell’eurozona nel suo complesso. Se la tendenza continua, la disgregazione dell’euro sarà possibile senza un collasso totale, ma questo lascerà le banche centrali dei paesi creditori esposti a un gran numero di richieste di pagamento difficili da riscuotere dalle banche centrali dei paesi debitori.

Ciò è dovuto a un problema arcano insito nel sistema di esecuzione dei pagamenti chiamato TARGET 2. A differenza del sistema della Federal Reserve, che prevede un saldo annuale, il TARGET 2 accumula gli squilibri tra le banche dell’eurozona.

Non ci sono stati problemi fintanto che il sistema interbancario ha funzionato, perché le banche regolavano gli squilibri tra di loro attraverso il mercato interbancario. Ma il mercato interbancario non funziona più a dovere dal 2007 e dall’estate del 2011 si è vista una crescente fuga di capitali dai paesi più deboli. Quando un cliente greco o spagnolo fa un bonifico dal suo conto in una banca greca o spagnola verso una banca in Olanda, la Banca centrale olandese si ritrova un credito TARGET 2, corrispondente a una richiesta di pagamento dalla Banca centrale greca o spagnola. Queste richieste di riscossione sono cresciute in maniera esponenziale. Entro la fine di luglio di quest’anno la Bundesbank ha registrato richieste equivalenti a circa 727 miliardi di euro da riscuotere dalle banche centrali dei paesi periferici.

La Bundesbank si è resa conto del pericolo potenziale e il pubblico tedesco è stato allertato dall’appello accorato, ancorché incauto, lanciato da Hans-Werner Sinn, un economista tedesco. La Bundesbank è sempre più determinata a limitare le perdite che rischia di sostenere nel caso di rottura dell’euro. E ciò significa spianare il terreno proprio a questa eventualità, perché non appena una banca centrale si premunisce contro la rottura dell’euro, tutte le altre sono costrette a fare altrettanto.

E perciò la crisi si aggrava. Le tensioni sui mercati finanziari hanno toccato nuove vette, come provano i rendimenti irrisori o non esistenti sui titoli di stato tedeschi. Ancor più significativo è il fatto che il rendimento su un titolo di stato inglese a 10 anni non è mai stato così basso negli ultimi 300 anni, mentre gli interessi sui titoli di stato spagnoli sono schizzati verso l’alto.

L’economia reale dell’eurozona è in declino, mentre la Germania se la passa relativamente bene. Ciò significa che il divario si va allargando. Le dinamiche politiche e sociali spingono anch’esse verso la disintegrazione. L’opinione pubblica, così come si è espressa nei recenti risultati elettorali, si oppone sempre di più alle misure di austerità e la tendenza non si placherà finché la politica non avrà invertito la rotta. Qualcosa, a questo punto, deve pur cedere.

E adesso a che punto siamo?

Il summit di giugno è parso offrire l’ultima opportunità di fare marcia indietro in seno all’esistente struttura legale. Nel prepararlo, le autorità europee, sotto la guida di Herman van Rompuy, presidente del Consiglio europeo – che raccoglie tutti i capi di stato o di governo degli stati membri dell’Unione – hanno capito che la strada imboccata porta diritta alla catastrofe e hanno deciso di esplorare vie alternative. Hanno inoltre compreso che i problemi delle banche e del debito sovrano sono intimamente collegati, come due gemelli siamesi, e non possono essere risolti separatamente. Si sono impegnati per avviare una revisione comprensiva delle normative, ma ovviamente hanno dovuto consultare la Germania a ogni passo. Ne hanno ricevuto l’appoggio sullo sviluppo di piani per un’unione bancaria, perché la Germania è comprensibilmente preoccupata dei rischi creati dalla fuga di capitali dai paesi “periferici”. Pertanto quell’aspetto del programma è stato sviluppato molto più dettagliatamente rispetto al problema del debito sovrano, malgrado l’esistenza del nesso tra le due tematiche.

Il costo di rifinanziare il debito nazionale rivestiva un’importanza cruciale per l’Italia. All’avvio del summit di giugno il primo ministro Monti ha dichiarato che l’Italia non avrebbe firmato nulla se prima non fosse stato affrontato quel problema. Per evitare il fiasco, la cancelliera Merkel ha promesso che la Germania avrebbe accolto qualsiasi proposta purché nella cornice della normativa esistente. E il summit si è salvato. È stato deciso di finalizzare i piani di un’unione bancaria, consentendo la creazione di un fondo di salvataggio europeo, l’ESM e l’EFSF, per ricapitalizzare le banche direttamente, e al termine di una sessione protrattasi per tutta la notte, i lavori sono stati sospesi. Mario Monti ha dichiarato vittoria. Ma nei negoziati successivi si è capito che nessuna proposta per ridurre lo spread può essere inserita nell’attuale struttura normativa. Il piano di usare l’ESM per ricapitalizzare le banche spagnole è stato inoltre indebolito al di là di ogni previsione quando la cancelliera Merkel ha dovuto assicurare il Bundestag che la Spagna sarebbe comunque rimasta responsabile di qualsiasi perdita. I mercati finanziari hanno reagito facendo risalire lo spread sulle obbligazioni spagnole fino a cifre record, causando anche un’impennata degli interessi sui titoli italiani. La crisi è divampata in pieno. Con la Germania immobilizzata dalla corte costituzionale, le cui decisioni sulla legalità dell’ESM saranno annunciate il 12 settembre, alla Banca centrale europea non è rimasto che gettarsi nella mischia e tappare le falle.

Mario Draghi, l’attuale presidente della BCE, ha annunciato che la BCE farà il possibile per tutelare l’euro “nell’ambito delle competenze della BCE”. Il presidente della Bundesbank, Jens Weidmann, da quel momento ha sempre fatto sentire la sua voce nel ribadire le restrizioni legali cui è sottoposta la BCE, ma il rappresentante del governo tedesco nel consiglio della BCE, Joerg Asmussen, si è fatto avanti a sostegno di interventi illimitati proprio perché la sopravvivenza stessa dell’euro è in pericolo. Questa è stata una svolta. La cancelliera Merkel sosteneva Mario Draghi, lasciando isolato il presidente della Bundesbank nel Consiglio della Bce. Il presidente Draghi ha sfruttato al meglio la sua opportunità. I mercati finanziari si sono rincuorati e hanno fatto segnare un recupero. Sfortunatamente, persino un intervento illimitato potrebbe non bastare a impedire che la divisione dell’area euro fra Paesi debitori e Paesi creditori diventi permanente. Essa non eliminerà lo spread, lo ridurrà solamente e la condizionalità imposta ai Paesi debitori dall’Efsf probabilmente li spingerà in una trappola deflazionistica. Di conseguenza, essi non saranno in grado di riguadagnare competitività fino a che non abbandoneranno il tentativo di ridurre il debito con l’austerità.

La linea di minor resistenza non porta all’immediata rottura dell’euro, bensì all’estensione indefinita della crisi. Una rottura disordinata sarebbe catastrofica per l’eurozona, e indirettamente per il mondo intero. La Germania, che se l’è cavata molto meglio degli altri paesi dell’eurozona, rischia un tonfo ancor peggiore, e pertanto continuerà a fare il minimo indispensabile per impedire la rottura dell’euro.

L’Unione europea che emergerà da questo processo si rivelerà diametralmente opposta all’ideale di unione europea quale società aperta. Sarà invece un sistema gerarchico costruito sulle obbligazioni del debito, anziché un’associazione volontaria di stati membri pari tra loro. Ci saranno due categorie di stati, creditori e debitori, e i creditori avranno in mano le leve del potere. In quanto paese creditore più forte, la Germania sarà in posizione dominante rispetto all’Europa. La differenziazione di classe diventerà permanente, poiché i paesi debitori saranno costretti a pagare cospicui premi di rischio per avere accesso ai finanziamenti e sarà sempre più difficile, se non impossibile, rimettersi al passo con i paesi creditori. Il divario nell’andamento economico, anziché restringersi, si andrà allargando. Tutte le risorse, sia umane che finanziarie, verranno attratte dal centro e la periferia verserà in condizioni recessive permanenti. La Germania riuscirà persino a risolvere in parte i suoi problemi demografici grazie all’arrivo di lavoratori diplomati e laureati dalla penisola iberica e dall’Italia, al posto degli immigrati scarsamente qualificati provenienti da Turchia e Ucraina. Ma la periferia coverà un forte senso di risentimento.

Il potere imperiale porta con sé grandi benefici, ma solo se si prodiga per risollevare coloro che vivono sotto la sua egida. Gli Stati Uniti emersero in posizione egemone nel mondo libero al termine della Seconda guerra mondiale. Se il sistema di Bretton Woods conferì all’America il primo posto tra nazioni pari tra loro, gli Stati Uniti si rivelarono una potenza solidale, che seppe guadagnarsi l’eterna gratitudine dell’Europa dando avvio al piano Marshall. È questa l’occasione storica che la Germania di oggi sta perdendo, inchiodando i paesi pesantemente indebitati alla loro Schuld.

Vale la pena ricordare che le durissime riparazioni di guerra imposte alla Germania dopo la Prima guerra mondiale furono tra le cause che favorirono la nascita del Nazionalsocialismo. E la Germania beneficiò di un abbattimento dei suoi debiti in ben tre distinte occasioni: con il piano Dawes nel 1924, con il piano Young nel 1929 – troppo tardi per impedire l’ascesa di Hitler – e con l’Accordo sul debito di Londra nel 1953.

Oggi la Germania non ha nessuna ambizione imperiale, è chiaro. Paradossalmente, il desiderio di evitare in tutti i modi di estendere il proprio dominio sull’Europa spiega perché la Germania non sia riuscita a cogliere al volo l’occasione di agire come paese egemone solidale. Le misure prese dalla Bce il 6 settembre costituiscono il minimo necessario per preservare l’euro, ma ci avvicineranno anche a un’Europa a due livelli. I Paesi debitori dovranno sottoporsi alla vigilanza europea, mentre i Paesi creditori non dovranno; e la divergenza nella performance delle economie ne sarà accentuata. La prospettiva di una recessione prolungata e di una divisione permanente in paesi creditori e debitori è talmente penosa da risultare intollerabile. Ma quali sono le alternative?

Come uscire dalla crisi.

La Germania deve decidere se diventare un egemone solidale o lasciare l’euro. La prima alternativa sarebbe nettamente la migliore.

Ma questo ruolo che cosa comporterebbe per la Germania? In poche parole, richiederebbe di perseguire due nuovi obiettivi che sono però in contrasto con la politica attuale:

1) stabilire condizioni più o meno neutrali tra paesi debitori e paesi creditori, il che significa che i debitori saranno in grado di rifinanziare il debito del proprio governo in termini più o meno uguali.

2) Puntare a una crescita nominale non inferiore al 5 percento in modo che l’Europa possa liberarsi del suo debito eccessivo grazie alla crescita. Questo richiederebbe un livello d’inflazione temporaneamente più alto del 2 per cento che è oggi l’obiettivo della Bce.

Entrambi questi obiettivi sono raggiungibili, ma solo dopo un notevole progresso verso l’unione politica. Le decisioni politiche prese nel prossimo anno determineranno il futuro dell’Unione europea. Le misure annunciare dalla Bce il 6 settembre potrebbero preludere alla creazione di un’Europa a due livelli; in alternativa, potrebbero portare a un’unione politica più integrata, nella quale la Germania accetta gli obblighi che la sua posizione di leadership comporta.

Una zona euro a due livelli finirebbe per distruggere l’Unione europea, perché i Paesi privati dei loro diritti presto o tardi si ritirerebbero. Ma se un’unione politica non è raggiungibile, la seconda migliore opzione sarebbe una separazione ordinata tra Paesi debitori e Paesi creditori. Se la convivenza forzata non fa altro che spingere l’unione verso una recessione duratura, è meglio lasciarsi di comune accordo.

In una rottura amichevole dell’euro è molto importante stabilire qual è il partner che lascia, perché i debiti accumulati sono nella valuta comune. Se è il paese debitore a lasciare, il suo debito aumenta in valore, in linea con la svalutazione della moneta nazionale. Il paese in questione potrebbe ritrovare competitività, ma sarebbe costretto a dichiarare fallimento sul suo debito e questo produrrebbe disastri finanziari incalcolabili. Il mercato comune e l’Unione europea potrebbero gestire il default di un piccolo paese come la Grecia, specie perché la situazione è ben nota da tempo, ma non hanno nessuna possibilità di sopravvivere al distacco di un paese più grande, come la Spagna o l’Italia. E persino il fallimento della Grecia potrebbe rivelarsi fatale, incoraggiando la fuga di capitali e le manipolazioni speculative dei mercati finanziari contro altri paesi, e di conseguenza l’euro potrebbe ben presto sbriciolarsi come accadde con il sistema di cambio dello SME nel 1992.

In contrasto, se fosse la Germania a lasciare, abbandonando la moneta comune nelle mani dei paesi debitori, l’euro crollerebbe e il debito accumulato si svaluterebbe in linea con la moneta. In pratica, tutti i problemi finora considerati intrattabili sparirebbero. I paesi debitori ritroverebbero competitività e il loro debito calerebbe in termini reali, e con la Banca centrale europea sotto il loro controllo, svanirebbe anche il rischio di default. Senza la Germania, l’area euro non avrebbe nessuna difficoltà a invertire la rotta, manovra oggi ostacolata dalla cancelliera Merkel.

Per entrare nel dettaglio, l’area euro così ridotta potrebbe stabilire la propria autorità fiscale e avviare un proprio Fondo per la riduzione del debito secondo le direttive descritte di seguito. Anzi, una zona euro così ristretta potrebbe spingersi oltre, e convertire l’intero debito dei paesi membri in eurobond, senza limitarsi alla quota eccedente il 60 percento del PIL. Quando i tassi di cambio dell’euro ristretto si saranno stabilizzati, lo spread sugli eurobond scenderà a livelli analoghi a quello di altre valute a libera fluttuazione, come la sterlina britannica e lo yen giapponese. Tutto questo può sembrare inverosimile, ma solo perché gli equivoci alla radice della crisi hanno guadagnato tanta credibilità negli ultimi tempi. La zona euro, anche senza la Germania, per quanto sorprendente possa sembrare, otterrà un miglior piazzamento secondo gli indicatori standard della solvenza fiscale in confronto a Gran Bretagna, Giappone e Stati Uniti.

Deficit interno lordo come percentuale del PIL: zona euro esclusa la Germania 5,3; UK 8,7; Giappone 10,1; USA 9,6; zona euro esclusa la Germania 4,1.

Debito interno lordo come percentuale del PIL: zona euro esclusa la Germania 90; UK 98; Giappone 205; USA 103; zona euro compresa la Germania 88.

Conto corrente come percentuale del PIL: zona euro esclusa la Germania -1,6; UK -2,4; Giappone +1,5; USA -3,5; zona euro compresa la Germania +0,5.

P.S. Se si escludono Finlandia, Olanda e Slovacchia assieme alla Germania non si rilevano differenze significative in nessuno dei confronti sopra citati.

L’eventuale uscita della Germania causerebbe forti scompensi ma sarebbe un evento unico e gestibile, anziché dover continuare a far fronte a un effetto domino caotico e estenuante, che vedrebbe un paese debitore dopo l’altro costretto a uscire dall’euro sotto la spinta della speculazione e della fuga dei capitali. Non ci sarebbero cause legali promosse da possessori inferociti di obbligazioni. Persino i problemi immobiliari diventerebbero molto più gestibili. Con un significativo differenziale nei tassi di cambio, i tedeschi si precipiterebbero ad acquistare proprietà immobiliari in Irlanda e in Spagna. Dopo gli squilibri iniziali, la zona euro sarebbe in grado di abbandonare la recessione per ricominciare a crescere.

Il mercato comune riuscirebbe a sopravvivere, ma le posizioni relative della Germania e degli altri paesi creditori che avranno lasciato l’euro passerebbero dal lato vincente al perdente. Questi paesi incontreranno una feroce concorrenza sui loro stessi mercati interni da parte della zona euro, e pur non perdendo i loro mercati di esportazione, questi risulteranno tuttavia meno redditizi. Ci saranno anche perdite finanziarie sul possesso di asset denominati in euro, come pure sulle richieste di riscossione all’interno del sistema di esecuzione dei pagamenti TARGET 2.

L’ammontare delle perdite dipenderà dall’entità della svalutazione dell’euro.

La Germania potrebbe addirittura scegliere di restare membro del sistema TARGET 2 per consentire ai saldi di ridursi gradualmente man mano che il sistema di prestito interbancario ritornerà operativo, anziché accettare perdite immediate. Questo perché la Germania avrebbe un interesse vitale nel contenere la svalutazione entro determinati limiti. Certo, ci saranno molte difficoltà di transizione, ma il risultato eventuale sarà l’adempimento del sogno di Keynes, quello di un sistema monetario in cui creditori e debitori hanno pari interessi nel mantenere la stabilità.

Dopo lo shock iniziale, l’Europa riuscirà a sfuggire alla trappola deflazionistica del debito nella quale si trova attualmente immobilizzata. L’economia globale in genere e l’Europa in particolare si riprenderebbero ben presto e la Germania, dopo essersi adattata alle perdite subite, potrebbe ritrovare la sua posizione di grande produttore ed esportatore di manufatti ad alto valore aggiunto. Il miglioramento complessivo della situazione sarebbe vantaggioso anche per la Germania.

Tuttavia, le perdite finanziarie immediate e il rovesciamento della sua posizione relativa all’interno del mercato comune sarebbero talmente vaste che è poco realistico aspettarsi che la Germania lasci l’euro di sua spontanea volontà. La spinta a estrometterla dovrà venire dall’esterno.

In contrasto, la situazione sarebbe ancor più favorevole alla Germania se decidesse di comportarsi come un paese egemone solidale nei confronti dei suoi partner, e all’Europa verrebbe risparmiato lo scombussolamento creato dal ritiro della Germania dall’euro. Ma la strada per raggiungere il doppio obiettivo di un terreno di gioco uguale per tutti e una politica efficace di crescita appare assai più tortuosa. Proviamo a scendere nei particolari.

Il primo passo sarebbe quello di stabilire un’Autorità fiscale europea, autorizzata a prendere importanti decisioni economiche per conto degli stati membri. È questo l’elemento finora mancante, ma necessario per trasformare l’euro in una vera valuta con un rifinanziatore affidabile in caso di difficoltà. L’Autorità fiscale, in quanto partner della banca centrale, riuscirebbe laddove la BCE non arriva con le sue sole forze. Il mandato della BCE è tutelare la stabilità della moneta e le è stato espressamente proibito di finanziare i deficit dei singoli stati. Tuttavia non vi è nulla che proibisca agli stati membri di stabilire un’autorità fiscale. Sono i timori tedeschi di diventare i salvatori forzati dell’Europa a intralciare il cammino. Viste le dimensioni dei problemi europei, le paure della Germania sono comprensibili, ma non giustificano l’imposizione di una divisione permanente dell’area euro tra paesi creditori e debitori. Gli interessi dei creditori possono e devono essere protetti, garantendo loro il potere di veto su decisioni che minacciano di penalizzarli eccessivamente. Ciò è già riconosciuto nel sistema di voto dell’ESM, che richiede una maggioranza dell’80 percento per il varo di qualsiasi misura. Questa normativa dovrebbe essere incorporata nell’Autorità fiscale europea. Quando gli stati membri partecipano in maniera proporzionale, per esempio contribuendo una certa percentuale della loro IVA, sarebbe sufficiente raggiungere la semplice maggioranza.

L’Autorità fiscale europea si incaricherebbe immediatamente dell’EFSF e dell’ESM. Il grande vantaggio di questa Autorità sta proprio nel poter prendere decisioni giorno per giorno, come la BCE. Un altro vantaggio sarebbe quello di ristabilire la corretta distinzione tra responsabilità fiscali e monetarie. Per esempio, l’Autorità fiscale dovrebbe accollarsi il rischio di insolvenza su tutte le obbligazioni governative acquistate tramite la BCE. A quel punto, non ci sarebbe più motivo per sollevare obiezioni all’operatività illimitata della BCE sul libero mercato. (La BCE potrebbe decidere di fare questo passo autonomamente il 6 settembre, ma solo scavalcando la pressante opposizione della Bundesbank). Ancor più importante è il fatto che per l’Autorità sarebbe molto agevole favorire la partecipazione del settore pubblico nella ristrutturazione del debito greco, rispetto a quanto possa fare la BCE. L’Autorità potrebbe esprimere la volontà di convertire tutte le obbligazioni greche del settore pubblico in titoli di stato a zero coupon che cominceranno a maturare un rendimento da qui a dieci anni, a condizione che la Grecia raggiunga un surplus primario non inferiore al 2 percento. Un simile intervento rappresenterebbe una luce in fondo al tunnel che potrebbe aiutare la Grecia persino in questo stadio così avanzato.

Il secondo passo sarebbe di ricorrere all’Autorità fiscale per impostare condizioni di maggior parità di quanto non possa offrire la BCE da sola il 6 settembre. Ho proposto di mia iniziativa che l’Autorità dovrebbe introdurre un Fondo di riduzione del debito – una versione modificata del Patto europeo per la redenzione del debito proposto dalla stessa commissione di consiglieri economici della cancelliera Merkel e approvata sia dai Socialdemocratici che dai Verdi in Germania. Il Fondo per la riduzione del debito potrebbe accollarsi i debiti nazionali superiori al 60 percento del PIL a condizione che i paesi in difficoltà diano avvio alle riforme strutturali approvate dall’Autorità fiscale. Il debito non sarebbe cancellato, ma trattenuto dal Fondo. Se il Paese debitore non rispetta le condizioni concordate, il Fondo potrebbe imporre le penalità più appropriate. Secondo le regole del Fiscal Compact, il paese debitore si impegna a ridurre il suo debito eccessivo del 5 percento all’anno, dopo una moratoria di cinque anni. È per questo che l’Europa deve puntare a una crescita nominale non inferiore al 5 percento.

Il Fondo del debito potrebbe finanziare il suo acquisto di obbligazioni tramite la Bce oppure emettendo appositi Titoli per la riduzione del debito -un’obbligazione congiunta dei paesi membri – per poi trasmettere ai paesi in difficoltà i benefici di finanziamenti a tassi vantaggiosi. In entrambi i casi il costo per il Paese debitore sarebbe ridotto all’1% o anche meno. A questi titoli verrebbe assegnato un indice di rischio zero dalle autorità e trattati come collaterale di altissima qualità per le operazioni repo presso la BCE. Il sistema bancario ha urgente bisogno di asset liquidi a rischio zero. Le banche trattenevano oltre 700 miliardi di euro di surplus di liquidità presso la BCE, guadagnando un tasso di interesse dello 0,25 percento nel momento in cui ho suggerito questo schema. Da allora, la BCE ha ridotto a zero il tasso di interesse pagato su questi depositi. Questo assicura un mercato ampio e disponibile per i titoli a meno dell’1 percento. In contrasto, il piano che verrà annunciato dalla BCE il 6 settembre con molta probabilità non riuscirà a spingere il costo del finanziamento molto al di sotto il 3 percento.

Sfortunatamente questo schema è stato respinto su due piedi dai tedeschi, perché non conforme ai requisiti della corte costituzionale della Germania. A mio avviso le obiezioni sollevate sono infondate, perché la corte costituzionale respinge gli impegni che non hanno precisi limiti di tempo e di portata, mentre i Titoli per la riduzione del debito sarebbero ben circoscritti sotto entrambi questi aspetti. Se volesse comportarsi da paese egemone solidale, la Germania non avrebbe difficoltà ad approvare questo piano, che potrebbe essere introdotto senza alcuna modifica dei trattati. I Titoli per la riduzione del debito potrebbero rappresentare lo strumento capace di fare da ponte all’introduzione degli eurobond, e questo renderebbe le condizioni operative uguali per i paesi membri dell’Unione, una volta per tutte.

Rimane il secondo obiettivo: una politica di crescita efficace che punti a una crescita nominale non inferiore al 5 percento. Ciò è necessario per consentire ai paesi più pesantemente indebitati di rispettare le condizioni del Fiscal Compact senza cadere nella trappola deflazionistica del debito. Non sarà possibile raggiungere questo obiettivo fintanto che la Germania resterà fedele all’interpretazione asimmetrica della Bundesbank in materia di stabilità monetaria. La Germania deve accettare un’inflazione superiore al 2 percento per un periodo limitato, se vuole restare nell’euro senza distruggere l’Unione europea.

Come fare?

Che cosa si può fare per convincere la Germania a restare nell’euro senza distruggere l’Unione europea, oppure ad abbandonare l’euro, in modo che i paesi debitori risolvano da soli i loro problemi? La pressione esterna può riuscirci. Con François Hollande a capo del governo francese, la Francia si è fatta portavoce dell’Europa per invocare una politica alternativa. Formando un fronte comune con Spagna e Italia, la Francia potrebbe presentare un programma credibile sotto il profilo economico, e interessante sotto quello politico, in grado di salvare il mercato comune e rilanciare l’Unione come quell’ideale europeo che tanta presa aveva avuto in passato sull’immaginazione collettiva. Il fronte comune è in grado di mettere la Germania davanti alla scelta finale: guidare l’Europa o lasciare l’Europa. L’obiettivo sarebbe ovviamente non quello di escludere la Germania, bensì di convincerla a modificare radicalmente le sue posizioni.

Purtroppo la Francia non è in una posizione forte abbastanza per fare fronte comune con Italia e Spagna davanti all’opposizione determinata della Germania. La cancelliera Merkel non è solo un formidabile leader, ma anche un politico abilissimo che sa come mantenere divisi i suoi avversari. La Francia è particolarmente vulnerabile perché ha fatto ancor meno di Italia e Spagna in materia di austerità fiscale e di riforme strutturali. Lo spread piuttosto basso di cui godono attualmente le obbligazioni francesi è dovuto quasi interamente alla stretta associazione con la Germania. Le banche centrali asiatiche hanno acquistato obbligazioni francesi, specie da quando quelle tedesche hanno cominciato a vendere a rendimento negativo. Ma se la Francia dovesse allearsi troppo strettamente con Italia e Spagna, rischia di essere giudicata secondo i medesimi parametri e lo spread sulle sue obbligazioni potrebbe risalire fino a toccare livelli simili a quelli italiani e spagnoli.

Tutto sommato, i vantaggi di ritrovarsi nella stessa barca con la Germania si riveleranno illusori non appena l’Europa sarà colpita da una recessione prolungata. Con il progressivo allargamento della spaccatura tra Francia e Germania, i mercati finanziari non perderanno tempo a riclassificare la Francia assieme a Spagna e Italia, che resti fedele alla Germania oppure no. Pertanto la vera decisione della Francia sarà, da un lato, se rompere con la Germania e salvare l’Europa rilanciando la crescita, o se, dall’altro, far finta di essere una valuta forte per un breve lasso di tempo, prima di finire abbandonata al suo destino. Prendere le parti dei paesi debitori e sfidare la politica di austerità consentirebbe alla Francia di riappropriarsi della posizione di leadership che aveva conosciuto durante la presidenza di Mitterrand. Sarebbe questa una posizione molto più dignitosa che fare da passeggero in una macchina guidata dalla Germania. Tuttavia, la Francia dovrà dar prova di molto coraggio per staccarsi dalla Germania nel breve periodo.

L’Italia e la Spagna sono travagliate da altre debolezze. L’Italia si è dimostrata incapace di dotarsi di un governo efficace. Il suo attuale indebitamento risale agli anni anteriori all’euro; come paese membro ha goduto addirittura di migliore performance di bilancio della Germania – persino durante gli anni di Berlusconi. Ma l’Italia sembra aver bisogno di un’autorità esterna che le imponga una più attenta gestione dell’economia, e questo spiega come mai gli italiani sono sempre stati talmente entusiasti dell’Unione europea. La Spagna gode di ottima salute politica, ma il governo attuale si è dimostrato troppo debole e conciliante con la Germania, andando contro i suoi stessi interessi. Per di più, entrambi questi paesi potranno assicurarsi una certa riduzione dello spread come conseguenza dell’acquisto delle loro obbligazioni da parte della BCE, ed essa sarà abbastanza significativa da rimuovere l’incentivo a incoraggiare a ribellarsi allo strapotere della Germania.

La campagna per cambiare gli atteggiamenti tedeschi pertanto dovrà prendere una forma molto diversa dai negoziati intergovernativi che in questo momento stanno valutando gli strumenti da adottare. La società civile europea, la comunità imprenditoriale, il settore economico e l’opinione pubblica generale devono mobilitarsi e impegnarsi. Oggi molti paesi dell’eurozona vivono in condizioni di sofferenza, confusione e rabbia, che non di rado sfociano in espressioni di xenofobia, in atteggiamenti anti europei e in movimenti politici estremisti. Occorre invece stimolare i sentimenti pro europei, che in questo momento sono sopiti e non hanno occasione di manifestarsi, se vogliamo salvare l’Unione europea. Un movimento di questo genere incontrerebbe reazioni positive in Germania, dove la stragrande maggioranza è ancora pro europea, ma condizionata da false dottrine monetarie e fiscali.

Oggi l’economia tedesca non suscita preoccupazioni e anche la situazione politica è relativamente stabile: la crisi altro non è che un rumore confuso che giunge dall’estero. Solo un intervento molto forte riuscirebbe a scuotere la Germania dalle sue idee preconcette e costringerla a guardare in faccia le conseguenze della sua linea politica. E solo un movimento popolare che presenti una valida alternativa al predominio tedesco riuscirebbe in questo intento. In breve, la situazione attuale è come un incubo da cui si può sfuggire soltanto svegliando la Germania e rendendola consapevole degli equivoci e delle incomprensioni che stanno guidando le sue scelte politiche. Ci auguriamo che la Germania, davanti alla scelta, opterà di esercitare una leadership solidale. In caso contrario, dovrà fare i conti con le inevitabili perdite che le deriveranno.
(Traduzione di Rita Baldassarre)

George Soros

 

Un altro rapporto debito/PIL è possibile (2) @drsilenzi @agnescheer

29 agosto 2012  sandro brusco http://noisefromamerika.org/articolo/altro-rapporto-debitopil-possibile-2

Facendo seguito al primo intervento, in questo post spieghiamo perché, tra le altre cose, è realistico pensare di poter ottenere introiti straordinari per 35 miliardi l’anno dal 2013 al 2018. In effetti, a nostro avviso, questo dovrebbe essere l’obiettivo minimo. Ci sono notevoli incertezze sulla valutazione del patrimonio pubblico ed è probabilmente possibile andare anche oltre questi valori.

L’obiettivo durante la prossima legislatura deve essere quello di aggredire con la massima forza possibile il debito pubblico e la pressione fiscale. Occorre porsi l’obiettivo del raggiungimento del rapporto debito/PIL al 100% come obiettivo minimale, insistendo in particolare nel massimizzare le dismissioni di immobili attualmente usati in modo inefficiente. Per questo ci sarà bisogno di una forte volontà politica. Se il prossimo parlamento sarà pieno di gente che pensa che dismettere e privatizzare sul serio, non per finta, significa ”svendere ai predoni della tripla A”, o che ogni riduzione della spesa sia un atto di ”macelleria sociale” allora è ovvio che non si andrà da nessuna parte. Vedremo alle prossime elezioni quanti voti le forze che hanno favorito il declino (e con tutta evidenza vogliono continuarlo) prenderanno, e quanti invece il declino sceglieranno di fermarlo.

Problemi politici a parte, ci sono legittime domande sulla fattibilità economica di un simile programma, che è bene non nascondere. Ne poniamo in evidenza tre.

1) Lo scenario presentato è uno scenario di politica fiscale cosidetta “restrittiva” in cui (in aggiunta ai provvedimenti già presi dal governo Monti) la spesa pubblica primaria viene ridotta più delle tasse, per un ammontare netto dello 0,17% del PIL per anno per 5 anni. Tale politica di bilancio dovrebbe, secondo la vulgata “keynesiana” dominante, ostacolare la ripresa, riducendo nel breve periodo il tasso di crescita del PIL reale.

2) Reperire 210 miliardi addizionali nell’arco di 6 anni mediante privatizzazioni, dismissioni e altre operazioni straordinarie può non essere affatto facile. In  particolare, è ragionevole pensare che il patrimonio pubblico contenga attivi effettivamente liquidabili per tali quantità? Le fallite esperienze tremontiane con la cartolarizzazione degli immobili pubblici dovrebbe fungere da monito.

3) Mentre tagliare le tasse è politicamente facile (è difficile farlo bene, massimizzando l’impatto positivo sulla crescita, ma questo è altro discorso), tagliare la spesa lo è molto meno. Occorre pertanto mostrare in dettaglio che è possibile tagliare 5 punti di spesa primaria nell’arco di 5 anni senza provocare reazioni politiche e sociali eccessive.

Una risposta completa a queste domande richiede molto maggior spazio di quanto ho deciso di concedermi oggi: i dettagli delle risposte verranno date nelle prossime settimane man mano che svilupperemo in dettaglio il programma. Qui risponderemo brevemente al primo punto, e per non essere troppo evasivi daremo anche una risposta sommaria al secondo. La risposta al terzo punto è in realtà più politica che economica. Individuare tagli alla spesa pari al 5% del PIL che non pratichino alcuna “macelleria sociale” (anzi tutto il contrario) è perfettamente possibile (se ne è parlato in vari posti, e in particolare in questa sequenza di articoli: unoduetre) ma la questione di fondo è se risulterà possibile infrangere le resistenze che le varie categorie influenzate dai tagli opporranno. Qui un grosso aiuto dovrà venire dal fatto che, contestualmente alla diminuzione della spesa, ci sarà una diminuzione delle tasse. Suggerimenti addizionali si trovano nel post di Aldo Lanfranconi, che compara la spesa pubblica italiana con quella tedesca. e fornisce una stima di quanto potrebbe essere fatto rendendo la nostra spesa almeno altrettanto efficiente quanto quella di Berlino. Per andare oltre occorrono scelte tutte politiche su quali spese tagliare (non riqualificare: tagliare, dato che praticamente quasi tutta la spesa pubblica italiana deve essere riqualificata).

Riguardo l’impatto aggregato della manovra restrittiva la prima cosa da osservare è che essa è di dimensioni molto modeste e certo non comparabile alla ”cura da cavallo” che l’economia italiana ha dovuto subire tra il 2011 e il 2012. La sequenza di provvedimenti approvati nella seconda metà del 2011 ha aumentato la pressione fiscale di più di due punti di PIL in pochi mesi, aggiungendo inoltre a tale manovra alcuni modesti tagli alla spesa. L’inasprimento della tassazione ha certamente contribuito al calo del PIL, anche se non è affatto chiaro che ne sia stato la causa principale: la restrizione creditizia in atto dal secondo semestre del 2011 ha avuto un effetto molto maggiore e infatti la caduta del PIL precede l’arrivo delle misure restrittive adottate dal governo Monti. Quella che stiamo proponendo è una riduzione di 5 punti sia della spesa primaria sia delle imposte, con un profilo leggermente più accelerato (5 anni anziché 6) per la riduzione della spesa. Questo ammonta quindi, in ogni dato anno, ad una riduzione netta della “domanda pubblica” (ossia: spesa – tasse) pari allo 0,17% del PIL Una cosa assai più blanda ma molto più sistematica e annunciata, quindi più efficace. Poiché non è ragionevole concepire che un arco di tempo di cinque o sei anni possa ancora legittimamente essere considerato il “breve periodo” di “keynesiana” memoria – in cui il livello dell’output, essendo la capacità produttiva totalmente fissa, dipende puramente dalla domanda esogena – per valutare gli effetti aggregati dell’operazione che stiamo proponendo occorre considerare non tanto la pura riduzione di “domanda pubblica” che essa implica ma anche, e soprattutto, gli incentivi ad una diversa utilizzazione delle risorse che dovrebbe indurre. Vale la pena sottolineare anche che, come conseguenza della riduzione del debito in essere, una parte sostanziale (circa il 15-20%) della minore spesa pubblica totale verrebbe da una ridotta spesa per interessi, ossia da un calo delle rendite finanziarie; questo permetterebbe ulteriori riduzioni future di imposte sul reddito delle famiglie con un effetto quindi “espansivo” sulla domanda aggregata.

Sia l’evidenza storica che la teoria economica suggeriscono che l’effetto netto di un’azione di politica economica così articolata (graduale e annunciata riduzione spesa + riduzione imposte + riduzione debito e interessi sul debito) dovrebbe essere positivo sulla crescita. Questo è particolarmente vero nel nostro caso sia per il tipo di spesa pubblica (altamente improduttiva o, più generalmente, parassitica) che si intende tagliare sia perché i tagli permanenti alle tasse dovrebbero avere un effetto più espansivo di quello (opposto) di un taglio alla spesa. Non solo: oltre ad aumentare permanentemente il reddito disponibile alle famiglie, la nostra proposta prevede anche la vendita a famiglie e imprese di beni produttivi oggi malamente utilizzati in cambio di debito pubblico. Detto altrimenti: la vendita di beni capitali, siano essi immobili o imprese, oggi mal amministrati dalla classe politica dovrebbe favorire una migliore allocazione delle risorse, un aumento della ricchezza privata e un aumento della domanda di consumi.

Inoltre la manovra di dismissioni più miglioramento dell’avanzo primario dovrebbe avere un effetto positivo, se ritenuta credibile, sul valore di mercato del debito pubblico. Questo dovrebbe sia aumentare la ricchezza “percepita” delle famiglie (i titoli di debito pubblico in loro possesso dovrebbero valere di più) sia migliorare i bilanci delle banche italiane, che di tale debito possiedono una quota sostanziale. Il primo effetto ricchezza non ridurrà di certo la domanda di consumi mentre il secondo, a nostro avviso molto più sostanziale come le recenti vicende MPS dimostrano, dovrebbe migliorare la situazione nel mercato del credito. In altre parole, una politica più credibile di riduzione del debito dovrebbe aumentare il valore di mercato dei titoli di stato, migliorando quindi il patrimonio delle banche e rendendo meno restrittivo il credit crunch che ha guidato la riduzione del PIL in corso. Da questo canale possiamo quindi attenderci una ulteriore spinta espansiva anche nel breve periodo. La conclusione è che non è irragionevole ipotizzare che una operazione di politica di bilancio del tipo da noi ipotizzato dovrebbe stimolare, anziché sfavorire, la crescita del PIL, anche guardando unicamente agli effetti sulla domanda aggregata.

Veniamo ora al secondo punto: è effettivamente possibile ottenere entrate straordinarie per 35 miliardi l’anno per 6 anni, per un totale di 210 miliardi? C’è molta incertezza sulla valutazione del patrimonio pubblico ma anche mantenendo stime molto conservative la risposta è sì. Occorre però avere una volontà politica ferrea nel portare avanti l’obiettivo. Questo obiettivo, in verità, è probabilmente quello su cui più forti saranno le resistenze da parte della casta e delle attuali élites politico-economiche, che hanno già iniziato il fuoco di sbarramento contro la ”svendita allo straniero”. E si capisce benissimo perché: basta rileggersi le intercettazioni di Belsito e con la sua intenzione di farsi mandare ”in Eni, però meglio alla Rai, alle Poste”. Se Eni, Poste e Rai, vengono privatizzate, dove si farano mandare i tanti Belsito che ancora allignano nella politica italiana? Bisogna infatti essere estremamente chiari su una cosa: per raggiungere l’obiettivo occorre procedere senza alcuna timidezza sia alla privatizzazione delle imprese in mano allo stato sia alla dismissione massiccia del patrimonio immobiliare pubblico. Chi pensa di cavarsela vendendo solo gli immobili, e magari solo quelli che interessano poco ai politici, sta solo facendo melina e non è serio.

Ma quanto vale il patrimonio immobiliare pubblico, e quanto di esso è effettivamente vendibile? Di preciso non lo sa nessuno, ma le stime esistenti puntano a numeri sostanziali. Uno dei massimi esperti della materia è Edoardo Reviglio, che durante la scorsa decade ha curato il progetto di compilazione dello stato patrimoniale della repubblica. Nel corso di un seminario tenuto presso il Cnel lo scorso giugno, Reviglio ha riportato una stima del patrimonio ”fruttifero” dello Stato di circa 700 miliardi. Una buona parte di questo patrimonio (risorse naturali, varie infrastrutture) non è cedibile e molti immobili sono occupati da amministrazioni pubbliche. La ”parte libera” di immobili effettivamente vendibili è stimata intorno ai 42 miliardi (Reviglio parla nella sua relazione di un valore tra 40 e 50 miliardi). A questi si aggiungono gli alloggi di edilizia residenziale pubblica, il cui valore totale viene stimato in 150 miliardi. Anche in questo caso non tutti gli edifici sono vendibili, ma in molti casi gli immobili hanno smesso di avere caratteristiche di edilizia popolare e la loro vendita può rappresentare un miglioramento sia per lo Stato sia per gli inquilini (secondo la Corte dei Conti, citata da Reviglio, il 50-60% degli edifici non ha più caratteristiche di edilizia popolare). Difficile qui mettere un numero esatto. Il rapporto Astrid(purtroppo accessibile solo mediante password, non capisco bene perché) stima in 30 miliardi l’ammontare ottenibile dall’edilizia pubblica. Aggiungendosi ai 42 miliardi di parte libera questo porta il totale ottenibile mediante la dismissioni di immobili a 72 miliardi.

È possibile che tale cifra possa essere aumentata includendo altri immobili non inclusi nel rapporto Astrid o che Astrid stima possano essere dismessi solo in un periodo di tempo più lungo. Il punto principale in questo caso però non è se la valutazione è di qualche miliardo in più o in meno, dato che comunque sono stime molto aleatorie e che tali resteranno finché gli immobili non inizieranno a essere effettivamente venduti sul mercato. Il problema principale è che la proprietà immobiliare pubblica è estremamente dispersa e frazionata fra i vari enti pubblici. Per esempio, secondo Reviglio solo 7 miliardi, dei 42 di ”parte libera” di immobili, appartengono allo stato centrale. Qui la parte del leone la fanno i comuni, con 25 miliardi. Questo significa in sostanza una cosa: qualunque processo di dismissione del patrimonio immobiliare non può che essere un lavoro di lunga lena. Si dovrà intrecciare con l’attuazione di una vera riforma federalista che dia incentivi (o, se questi non bastano, imponga) agli enti locali di vendere gli immobili e terreni liberi a fronte di riduzione del loro debito. Si dovrà inoltre collegare ad unaoperazione di rigorosa classificazione e valorizzazione del patrimonio pubblico, che elimini sprechi e inefficienze.

Tale processo è solo iniziato e prenderà tempo, ma può essere accelerato e i tempi non devono essere biblici. Il rapporto Astrid, per esempio, stima in 100-120 miliardi il patrimonio immobiliare vendibilesolo da parte degli enti locali su un arco di 10 anni; un governo fortemente determinato può accelerare il processo e portarlo a compimento entro la prossima legislatura. Ed è probabile che alla fine si scopra che il valore degli immobili vendibili è ben più alto. Un rapporto meno recente dell’Istituto Bruno Leoni e della Fondazione Magna Carta, che si basava su stime precedenti dello stesso Reviglio, forniva una stima molto più sostanziosa del patrimonio immobiliare alienabile: 420 miliardi di euro (stima 2008). La differenza tra le due stime deriva semplicemente dal fatto che quella inferiore tiene conto soltanto degli immobili attualmente non utilizzati o sgomberabili facilmente, l’altra considera invece tutti gli immobili tecnicamente alienabili (cioè, per capirsi, esclude il Colosseo, la Torre di Pisa, il Quirinale …). Tenendo conto della possibile razionalizzazione dell’uso degli uffici pubblici (che andrà incontro alle resistenze degli attuali occupanti: al potere politico piace lavorare nei più prestigiosi edifici delle città italiane) e della possibilità di vendere immobili di pregio per ricollocare le funzioni pubbliche in immobili più periferici (da acquistare o affittare, escludendo operazioni di lease back che si sono rivelate in molti casi la grande madre di tutte le prese in giro), e tenendo conto del calo del mercato immobiliare negli ultimi anni, probabilmente la cifra realisticamente ottenibile sta da qualche parte nel mezzo: diciamo attorno ai 150-250 miliardi di euro. Nel mezzo sta il valore di 200 miliardi, che sembra un ragionevole ed abbondante punto di riferimento.

Come precedentemente osservato, gran parte di questi immobili sono in mano agli enti locali che, a legislazione vigente, non possono essere costretti a vendere. Questo è un ostacolo, e rende il processo più lungo, ma non è un ostacolo insormontabile. Una possibile via d’uscita può essere la costituzione di una serie di fondi chiusi, la cui gestione andrebbe delegata a terzi selezionati con procedure a evidenza pubblica e con remunerazione collegata alla performance (per esempio sotto forma di percentuale sulla differenza tra i valori di realizzo e un target price), in modo da procedere a una valorizzazione efficiente. Ma questi sono problemi su cui si può poi ragionare con più calma. Quello che ci interessa qui sottolineare è che l’obiettivo di 105 miliardi di dismissioni immobiliari complessive in 6 anni non dovrebbe essere impossibile da raggiungere, e anzi ci sono ragioni per pensare che si possa fare parecchio di più. Dato che comunque le cose non vanno fatte con fretta eccessiva e dato che abbiamo deciso di mantere una linea di prudenza, manterremo a 105 miliardi la stima delle dismissioni immobiliari, assumendo che si concentri negli anni tra il 2016 e il 2018.

Restano da individuare 105 miliardi da realizzare tra il 2013 e il 2015. Lo studio Astrid stima in 30 miliardi la somma che può essere raccolta valorizzando le concessioni dello Stato. Occorre indagare meglio come si è giunti a tale cifra, ma per il momento assumiamo prudenzialmente che solo la metà, 15 miliardi, sia effettivamente realizzabile. Astrid, fra le fonti una tantum che ritiene si possano utilizzare, elenca un accordo fiscale con le autorità svizzere che ammonterebbe (al di là delle belle parole) all’ennesimo condono fiscale. Non avendo simpatia per i condoni, che il declino anziché fermarlo tendono ad accentuarlo, preferiamo escludere quei soldi dal conto. Un accordo fiscale con le autorità svizzere forse bisogna farlo, ma senza che assuma la forma del condono e senza che debba essere considerato un’operazione straordinaria (segnaliamo comunque che lo studio di Astrid prevede di raccogliere 13,5 miliardi tramite il condono; Brunetta, che evidentemente è persona molto ottimista,pensa di poterne raccogliere 25-35, anche se non si sogna di spiegare la fonte di tanto ottimismo).

Se 105 miliardi sono reperibili dalla vendita di immobilii e altri 15 da concessioni, per arrivare a 210 mancano 90 miliardi. Per reperirli, occorre mettere mano alle partecipazioni dello stato nelle imprese, arrivando fino alle partecipate degli enti locali. La stima che offre Astrid è di 40 miliardi, ma in questo caso è chiaro a nostro avviso che di tratta di una brutale sottostima. La cifra infatti include soltanto le partecipazioni quotate (ENI, ENEL, Finmeccanica, StMicroelectronics, stimate in 25-30 miliardi) ai valori di borsa correnti, oltre alle società da cedere alla Cassa Depositi e Prestiti (10 miliardi, ottenuti con la cessione di SACE, Fintecna e Simest). Quest’ultima proposta (perseguire e rafforzare la politica tremontiana secondo cui trasformare la Cassa DD.PP. in un’enorme holding finanziaria di stato sarebbe equivalente a “privatizzare”) è ancora peggio, molto peggio, della continuazione della politica dei condoni. Ragione per cui (ripromettendoci di ritornare alla prima occasione sulla questione Cassa DD.PP. e di come mantenerne in mano pubblica quel poco di utile che ha e può fare, privatizzando il resto) calcoliamo semplicemente che se 10 miliardi si possono raccogliere “trasferendo” proprietà industriali pubbliche alla Cassa DD.PP. certamente almeno 10 miliardi si possono raccogliere vendendo quelle stesse proprietà sul mercato. I 40 miliardi stimati da Astrid non includono la cessione del controllo. Una politica di vendita più aggressiva, che non abbia alcun timore di vendere a gente con religione, colore della pelle o nazionalità differente e che miri all’uscita completa dello Stato da imprese come ENI o ENEL (si può ragionare sul valore strategico di mantenere il controllo italiano di Finmeccanica, ma comunque è una piccola parte della torta), può portare a valori di realizzo nettamente più alti di quelli stimati da Astrid. Stimare ex ante il valore del  premio per il controllo è sempre complicato. Qui saremo un po’ meno prudenti e stimeremo in 10 miliardi addizionali il potenziale introito.

Ci sono poi le società non quotate, una lista che comprende Poste, Ferrovie, e Rai e varie altre. Edoardo Reviglio riporta che il patrimonio netto di queste società è di 27,5 miliardi (si veda la slide 10), ma questo valore esclude le Ferrovie dello Stato. Se aggiungiamo a quanto discusso sino ad ora un’azione decisa sulla vendita di almeno alcune partecipate degli enti locali, in cui si annidano grosse inefficienze e odiosi favoritismi, riteniamo che l’obiettivo complessivo possa essere raggiunto nell’arco di tre anni. Anche per aziende che richiedono processi di riorganizzazione interna e liberalizzazione dei rispettivi mercati si può immaginare un orizzonte temporale di 6 mesi-1 anno a seconda della complessità del caso. Per essere onesti è ovvio che vari margini di incertezza sussistono, sia per l’entità del premio di controllo che può essere ottenuto per le società quotate sia per il valore concreto a cui si possono vendere le società non quotate, ma i dati indicano che il valore atteso degli attivi cedibili può essere più alto di 90 miliardi con alta probabilità. Le sorprese sono possibili, ma sia in negativo sia in positivo.

Possiamo quindi concludere. Sì, un altro rapporto debito/PIL è possibile, ed è anche possibile avere al contempo un fisco assai meno esoso nei confronti dei lavoratori e delle imprese. È raggiungibile anche in uno scenario abbastanza prudenziale in termini di valutazione del patrimonio pubblico cedibile e del livello di entrate straordinarie e persino assumendo che misure di questo tipo non abbiano, come invece tutto suggerisce dovrebbero avere, un effetto positivo sulla crescita economica. Se si scoprirà che il patrimonio cedibile vale più di quanto qui prudenzialmente stimato occorrerà applicare il massimo di pressione politica perché si venda comunque tutto il vendibile e si utilizzi il ricavato per accelerare ulteriormente la riduzione del debito. Se la crescità, grazie alle riforme, risulterà superiore a quella delle ipotesi FMI occorrerà di nuovo applicare il massimo di pressione politica per evitare che si usi il maggior gettito fiscale per evitare di tagliare le spese, puntando invece a ridurre ancor di più la pressione fiscale. Se terremo la barra dritta, i risultati possono essere non solo soddisfacenti, come nel nostro scenari prudenziale, ma eccellenti.

È, ripetiamo, questione di volontà politica. Trovare la maggioranza sociale e politica che porti all’imbocco deciso di questa strada sarà il compito dei prossimi mesi.

Un altro rapporto debito/PIL è possibile (1) @drsilenzi @agnescheer

27 agosto 2012  sandro brusco http://noisefromamerika.org/articolo/altro-rapporto-debitopil-possibile-1

Questo è il primo di due articoli dedicati a spiegare perché i primi tre obiettivi del programma di Fermare il Declino per la prossima legislatura (ridurre il rapporto debito/PIL al 100%, ridurre la spesa pubblica di 6 punti di PIL, ridurre le tasse di 5 punti di PIL) sono perfettamente raggiungibili e in realtà anche superabili. Il secondo articolo verrà pubblicato domani.

L’ultimo rapporto sull’Italia del Fondo Monetario Internazionale pubblicato a luglio fornisce un quadro più fosco delle finanze pubbliche rispetto a quello del Documento di Economia e Finanza che il governo aveva pubblicato ad aprile, principalmente a causa dell’aggravarsi della recessione. Secondo i dati FMI il rapporto debito/PIL dovrebbe salire a 125,8 nel 2012 e a 126,4 nel 2013, per poi iniziare una lenta discesa fino a 119,4 nel 2017. Sono numeri preoccupanti, ma non inevitabili. Mostreremo che, anche usando lo scenario del FMI, gli obiettivi da noi enunciati sono raggiungibili. La questione quindi non è la fattibilità economica ma la volontà politica.

I dati che useremo sono tratti dal country report sull’Italia (si veda in particolare la Tabella 2 a pagina 36[Nota 1]), uscito lo scorso luglio. Si tratta, a nostra conoscenza, della più recente stima delle prospettive macroeconomiche dell’Italia prodotta da un’istituzione internazionale ufficiale. Si noti che lo scenario pubblicato dal FMI arriva solo fino al 2017. Abbiamo aggiunto il 2018 in modo da coprire l’intero arco della prossima legislatura; per quell’anno, facciamo l’ipotesi che le principali variabili (crescita del PIL reale, inflazione, politica fiscale, tasso d’interesse implicito sul debito) siano uguali al 2017. Ricordiamo che i dati sono considerevolmente peggiori di quelli contenuti nel Documento di Economia e Finanza, che ad aprile prevedeva una caduta del PIL reale di 1,2 punti per il 2012 e una modesta crescita nel 2013. Un’ultima avvertenza: lo scenario del FMI non tiene conto dei debiti commerciali contratti dalle pubbliche amministrazioni (i famosi ritardi nei pagamenti ai fornitori), che non sono conteggiati nel debito pubblico. Non li abbiamo considerati nei nostri conti dato che non siamo riusciti a trovare numeri ufficiali. Alcune fonti non ufficiali parlano di debito fino a 70 miliardi, ma la Corte dei Conti si è espressa in termini assai più prudenti. Vista l’incertezza sulle cifre ci limitiamo per il momento a segnalare il possibile problema.

Se non ci sono ulteriori avvertenze i numeri nella tabella successiva sono espressi come rapporto al PIL dell’anno di riferimento. Il tasso di interesse implicito è dato dal rapporto percentuale tra interessi totali pagati e ammontare del debito. I dati su PIL nominale, l’aggiustamento stock-flow (operazioni straordinarie) e il debito sono espressi in miliardi di euro.

Scenario FMI 2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018
Tasso crescita PIL nominale -0.70 1.30 1.80 2.30 2.60 2.70 2.70
Tasso interesse implicito 4.60 4.60 4.70 4.90 5.10 5.30 5.30
Spesa corrente primaria 43.10 42.70 42.50 42.30 41.90 41.50 41.50
Spesa per interessi 5.60 5.70 5.90 6.00 6.20 6.30 6.16
Totale spesa 51.50 51.10 51.10 51.00 50.80 50.50 50.36
Entrate fiscali correnti 44.30 44.90 45.10 45.10 45.20 45.30 45.30
Totale entrate 48.90 49.50 49.70 49.70 49.80 49.90 49.90
Avanzo Primario 3.00 4.20 4.50 4.70 5.20 5.60 5.70
Deficit -2.60 -1.50 -1.40 -1.30 -1.00 -0.70 -0.46
PIL nominale (mld) 1569 1589 1618 1655 1698 1744 1791
Operazioni straordinarie (mld) -35.93 -11.13 -1.62 0.00 -1.70 1.74 0.00
Totale debito (mld) 1974 2009 2032 2054 2072 2082 2083
Rapporto debito/PIL 125.80 126.40 125.60 124.09 122.02 119.40 116.29

In base a questi dati la spesa pubblica totale è pari al 51,1% del PIL nel 2013, e al 50,5% nel 2017. La pressione fiscale è invece pari al 44,9% del PIL nel 2017 e sale al 45,3% nel 2017. Il peggioramento del quadro macroeconomico rende ovviamente più difficile il raggiungimento degli obiettivi di finanza pubblica. Tuttavia è nostra opinione che anche in questo quadro più pessimistico una decisa manovra contro il debito e a favore della crescita economica possa ottenere importanti risultati. Per qualificare meglio questa affermazione analizziamo cosa può succedere mantenendo inalterate le ipotesi su crescita del PIL e sui tassi di interesse se si pongono in atto le tre seguenti misure, che rappresentano i primi tre punti del programma di Fermare il Declino.

1) Si effettuano privatizzazioni, dismissioni e altre operazioni straordinarie per 35 miliardi l’anno, in ciascuno degli anni dal 2013 al 2018.

2) La spesa corrente primaria viene ridotta di 1 punto di PIL all’anno rispetto alla baseline del FMI fino al 2017, per un totale di 5 punti. In combinazione con il risparmio per interessi dovuto alle dismissioni, questo provoca un calo della quota di spesa pubblica sul PIL di più di 6 punti.

3) La pressione fiscale viene ridotta di 0.83 punti di PIL all’anno per ogni anno dal 2013 al 2018, rispetto alla baseline del FMI. In tal modo nell’arco della legislatura si ottiene un calo di circa 5 punti nell’arco dei 5 anni.

Assumendo che si applichino unicamente queste misure e che niente altro cambi (in particolare che non ci siano effetti benefici sulla crescita del PIL e sui tassi di interesse) otteniamo i seguenti numeri.

Scenario Fermare il Declino 2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018
Tasso crescita PIL nominale -0.70 1.30 1.80 2.30 2.60 2.70 2.70
Tasso interesse implicito 4.60 4.60 4.70 4.90 5.10 5.30 5.30
Spesa corrente primaria 43.10 41.70 40.50 39.30 37.90 36.50 36.50
Spesa per interessi 5.60 5.71 5.73 5.79 5.79 5.76 5.46
Totale spesa 51.50 50.11 48.93 47.79 46.39 44.96 44.66
Entrate fiscali correnti 44.30 44.07 43.44 42.61 41.88 41.15 40.32
Totale entrate 48.90 48.67 48.04 47.21 46.48 45.75 44.92
Avanzo Primario 3.00 4.27 4.84 5.21 5.88 6.55 5.72
Deficit -2.60 -1.44 -0.89 -0.58 0.09 0.79 0.26
PIL nominale (mld) 1569 1589 1618 1655 1698 1744 1791
Operazioni straordinarie (mld) -35.93 23.87 33.38 35 33.3 36.74 35
Totale debito (mld) 1974 1973 1954 1929 1894 1844 1804
Rapporto debito/PIL 125.80 124.16 120.80 116.54 111.54 105.71 100.71

Il rapporto debito/PIL arriva quindi a 100,71 nell’anno terminale della prossima legislatura, molto vicino all’obiettivo di 100. Quello che ci preme osservare è che tale risultato viene raggiunto senza fare alcuna ipotesi eroica sugli effetti delle riforme riguardo alla crescita o riguardo alla credibilità del paese nel pagamento del debito pubblico (che si riflette in minori tassi di interesse). Le due ipotesi principali sono quelle di poter disporre di entrate straordinarie da dismissioni e privatizzazioni per 35 miliardi l’anno per 6 anni e di riuscire a ridurre la spesa primaria di 5 punti di PIL in 5 anni. Spiegheremo nel prossimo post perché la prima ipotesi è plausibile, e dedicheremo poi una serie di interventi aggiuntivi alle problematiche di riduzione della spesa (ma potete già cominciare dall’articolo di Lanfranconi sul benchmarking rispetto alla Germania). In effetti, a nostro avviso si può e si deve fare di più; ma qui vogliamo solo mostrare che gli obiettivi da noi proposti sono raggiungibili anche sotto ipotesi pessimistiche.

Per avere un’idea di dove si possa giungere con ipotesi solo leggermente più ottimiste sui tassi di interesse o sui proventi delle entrare straordinarie, considerate il seguente scenario:

a) Il costo del servizio del debito si stabilizza al livello del 2015, ossia a un tasso di interesse implicito pari al 4,90%. Se si pongono seriamente in atto a partire dal 2013 politiche efficaci di riduzione della spesa e maggiori introiti per dismissioni e privatizzazioni è ragionevole attendersi che il mercato del debito sovrano reagisca favorevolmente. Pur con un certo ritardo, dovuto alla necessità di convincersi che esiste effettivamente la volontà politica di proseguire il risanamento, almeno a partire dal 2014 la situazione dovrebbe migliorare. Tenendo conto dei ritardi con cui si incorporano nel bilancio le variazioni dei tassi di interesse è realistico pensare che gli effetti si avvertano a partire dal 2016, se non prima.

b) Si riesce ad aumentare le entrate straordinarie di 5 miliardi l’anno, per un totale di 40 miliardi l’anno dal 2013 al 2018. Nel prossimo post spiegheremo perché questo obiettivo è plausibile.

Si noti che continuiamo a fare l’ipotesi che non ci sia alcun effetto sulla crescita del PIL delle riforme e dell’abbassamento della pressione fiscale.

Scenario ”ottimista” 2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018
Tasso crescita PIL nominale -0.70 1.30 1.80 2.30 2.60 2.70 2.70
Tasso interesse implicito 4.60 4.60 4.70 4.90 4.90 4.90 4.90
Spesa corrente primaria 43.10 41.70 40.50 39.30 37.90 36.50 36.50
Spesa per interessi 5.60 5.71 5.72 5.76 5.52 5.25 4.94
Totale spesa 51.50 50.11 48.92 47.76 46.12 44.45 44.14
Entrate fiscali correnti 44.30 44.07 43.44 42.61 41.88 41.15 40.32
Totale entrate 48.90 48.67 48.04 47.21 46.48 45.75 44.92
Avanzo Primario 3.00 4.27 4.84 5.21 5.88 6.55 5.72
Deficit -2.60 -1.44 -0.88 -0.55 0.36 1.30 0.78
PIL nominale (mld) 1569 1589 1618 1655 1698 1744 1791
Operazioni straordinarie (mld) -35.93 28.87 38.38 40.00 38.30 41.74 40.00
Totale debito (mld) 1974 1968 1944 1913 1869 1804 1750
Rapporto debito/PIL 125.80 123.85 120.17 115.59 110.05 103.46 97.73

Si può verificare (i conti appaiono nel foglio di calcolo scaricabile) che la sola riduzione dei tassi di interesse consentirebbe di arrivare nel 2018 a un rapporto debito/PIL inferiore al 100% (per la precisione, 99,62). L’ulteriore effetto dell’aumento di gettito delle dismissioni porterebbe il rapporto ulteriormente più in basso, sotto il 98%.

In altre parole, è possibile raggiungere l’obiettivo di un rapporto debito/PIL inferiore al 100% nell’arco di una legislatura, anche assumendo che fallisca l’obiettivo di stimolare la crescita. Inoltre si può osservare che a quel punto la situazione fiscale del paese sarebbe sostanzialmente risanata. A partire dal 2016 avremmo un avanzo di bilancio (un ”superavit”, che è sempre latino ed è l’opposto di ”deficit”). Assumendo per gli anni successivi al 2018 una crescita del PIL reale media di 1,2% annuale e un’inflazione media di 1,5% il rapporto debito/PIL scenderebbe rapidamente sotto l’ottanta per cento durante l’arco della legislatura successiva, senza ulteriori entrate straordinarie, dando spazio a ulteriori riduzioni delle tasse.

Ovviamente noi siamo invece convinti che la riduzione della pressione fiscale, accompagnata dalle altre riforme da noi proposte (si vedano i punti da 4 a 10 della proposta di Fermare il Declino), aumenterà la crescita di lungo periodo dell’economia, e che questo avverrà già a partire dalla prossima legislatura. È importante semplicemente tenere dritta la barra del timone e continuare nell’opera di risanamento delle finanze pubbliche e di liberalizzazione.

[Nota 1] Gli unici dati che non appaiono nel report del FMI sono quelli relativi all’aggiustamento stock-flow. Si tratta di una componente che va aggiunta alla somma del debito dell’anno precendente più il deficit di bilancio per ottenere il debito corrente. Questa componente comprende componenti quali la differenza fra cassa e competenza, le variazioni dei depositi presso la Banca d’Italia e altre poste straordinarie quali proventi di privatizzazioni  (che diminuiscono il debito), aiuti straordinari al sistema bancario, aiuti ai paesi in difficoltà tramite partecipazione ai vari fondi europei. Per le cifre di questa componente, che può essere ottenuta residualmente date le cifre del FMI sul rapporto debito/PIL e sul deficit, abbiamo usato i numeri apparsi nel del Documento di Economia e Finanza (Tabella III.9, pag 26 del Programma di Stabilità; i dati appaiono in rapporto al PIL, li abbiamo moltiplicati per il PIL per ottenere i valori in miliardi di euro) fino al 2015 e al rapporto Astrid per 2016-2017. Per il 2018 si è ipotizzato un aggiustamento stock-flow nullo nello scenario di base. 

Potete scaricare qui il foglio di calcolo che contiene i dati del FMI e su cui sono stati fatti i conti per questo post. Se lo desiderate potete usare il foglio di calcolo per analizzare l’impatto di ipotesi differenti da quelle fatte nel post.