Competitività e servizi pubblici nell’Unione europea: la Direttiva “cross­border healthcare” 2011/24/EU

Andrea Silenzi, MD, MPH

Un esempio concreto per coniugare mercato e servizi pubblici per la tutela della salute.

Nell’attuale ripartizione delle competenze tra Stati Membri e Unione Europea, i sistemi sanitari, trattando un tema altamente delicato per la sicurezza e la protezione dei consumatori – la Salute – rimangono ancora di forte competenza nazionale. Non si è ancora avviato un processo di integrazione dei differenti sistemi sanitari esistenti nell’UE. Questa è di fatto una contraddizione, dal momento che proprio la salute, cuore del Welfare State, fenomeno che identifica e caratterizza l’Europa nei confronti di altre potenze mondiali, non ha un modello uniforme ed integrato di Welfare sul territorio dell’Unione. E’ pur vero però che proprio il settore dell’assistenza sanitaria ha un impatto rilevante sull’equilibrio economico e finanziario dei singoli Stati, e uniformare i modelli significa di conseguenza uniformare le modalità di finanziamento dei servizi, la programmazione, come anche sottostare a obblighi stringenti che prescindono…

View original post 564 altre parole

Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: