Monthly Archives: maggio 2012

Carlo Favaretti

Fiona Pathiraja, 28 May 2012 on Faculty of Medical Leadership and Management https://www.fmlm.ac.uk/

During a recent phone call with Peter Lees (founding director of FMLM), he was a little surprised that I knew that he had been at the recent King’s Fund leadership summit[1],[2], espousing the virtues of leadership at the Royal College of Pathologists[3] and at the BMJ group awards[4]. Despite being on call all week, the use of social media have allowed me to not only know this information but to see pictures of the events and read quotes of what was said. Medical leadership news, to me, isn’t about reading news covered by print journals or about emails I receive. It is about getting live or nearly-live updates.  As far as I’m concerned, by the time it has reached print media, it is considered old news.

Increasingly, leadership organisations reach…

View original post 453 altre parole

Choosing Wisely” list is about good judgment, not curtailing care, medical societies say @muirgray

Physicians caution that payers shouldn’t use a list of potentially wasteful tests as a license to reject payment for them arbitrarily.

By EMILY BERRY, amednews staff.

When the American Board of Internal Medicine Foundation published its list of 45 overused tests and procedures that physicians and patients should think twice about, it did so with the caveat that these aren’t things doctors should never do — nor are they actions that should never be covered by public and private insurers.

“It’s about cutting waste; it’s not about rationing,” said Christine Cassel, MD, president and CEO of the American Board of Internal Medicine and the ABIM Foundation, which released the list as part of the “Choosing Wisely” campaign.

The list of 45 tests and procedures, released April 4, was compiled by the American Academy of Allergy, Asthma & Immunology; the American Academy of Family Physicians; the American College of Cardiology; the American College of Physicians; the American College of Radiology; the American Gastroenterological Assn.; the American Society of Clinical Oncology; the American Society of Nephrology; and the American Society of Nuclear Cardiology.

They run the gamut from the cautionary, “don’t diagnose or manage asthma without spirometry,” from the AAAAI, to the urging from nuclear cardiologists to “use methods to reduce radiation exposure in cardiac imaging, whenever possible, including not performing such tests when limited benefits are likely.”

The listed services are not presented as always unnecessary, but rather as “things physicians and patients should question.”

Dr. Cassel said they deliberately did not list anything in absolutes.

“For every one of these items, there are times when it is indicated,” she said. “We aren’t saying you should never do it — these are times you ought to have a conversation about whether you need it or not.”

The Choosing Wisely campaign was sparked by a 2010 article in The New England Journal of Medicine by medical ethicist Howard Brody, MD, PhD, calling on physicians to think about five things that are overused, Dr. Cassel said. That article prompted the National Physicians Alliance to publish a list of overused tests and procedures in primary care. The ABIM Foundation wanted to spread the idea to as many medical specialties as possible.

Communication encouraged

The campaign sponsors also are focused on encouraging patients to ask questions so that physicians aren’t faced with trying to talk a patient out of a test or procedure. For that reason, the ABIM Foundation recruited nearly a dozen consumer groups, including Consumer Reports, to help disseminate the list.

The American Medical Association also supports the campaign.

“The medical specialty societies who participated in developing the ‘Choosing Wisely’ recommendations are all members of the AMA-convened Physician Consortium for Performance Improvement,” AMA President Peter Carmel, MD, said in a statement. “We applaud the efforts of our colleagues in this group to identify procedures and tests that are subject to overuse or inappropriate use, and we have worked with them to address many of the same problems through the development of quality measures. The AMA remains committed to working with medical specialty societies and other stakeholders to address areas of our health care system where our joint efforts can improve health outcomes for patients.”

Robert Zirkelbach, spokesman for the trade group America’s Health Insurance Plans, said one positive of the campaign was its reliance on consumers and physicians to make informed decisions before the insurer is involved.

“It’s encouraging to see employers, physicians and consumer groups all coalescing around these types of issues,” he said. “It’s great to see these specialty societies taking a leadership role in identifying these areas for improvement.”

Physicians often complain that insurers demand undue justification and documentation for tests and procedures. No health plan has announced any changes in compensation or pre-approval for items on the Choosing Wisely list, and those behind the list say insurers shouldn’t use it that way. But some physicians worry that could happen and are keeping a sharp eye on insurance companies to see what they do.

Mike Sevilla, MD, a Salem, Ohio, family physician and blogger, has written about his issues with the list. He said he agrees with the Choosing Wisely campaign but is “concerned about the unintentional consequences of this.”

“There is no doubt that we are on an unsustainable course [with] health care costs in this country. While I applaud physician groups and patient/consumer groups stepping up to try to address the problem, will insurance companies and payers compound the problem and deny care that my patient and I agree is necessary for appropriate care? Time will tell.”

The ABIM Foundation announced that eight other societies plan to release their own lists in the fall of 2012. They are: the American Academy of Hospice and Palliative Medicine; the American Academy of Otolaryngology–Head and Neck Surgery; the American College of Rheumatology; the American Geriatrics Society; the American Society for Clinical Pathology; the American Society of Echocardiography; the Society of Hospital Medicine; and the Society of Nuclear Medicine.

Beyond targeting individual procedures and tests, Dr. Cassel hopes the Choosing Wisely campaign will be part of a change in mindset by physicians. “I have a friend who is chief of medicine at a medical center, and now every time they have Grand Rounds, he asks the person, ‘When are the times you would not need to do this?’?”

AOU e Università di Udine per la formazione specialistica dei medici

22/05/2012 – SIGLATO L’ACCORDO ATTUATIVO PER LA FORMAZIONE DEI MEDICI ISCRITTI ALLE SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE

22 maggio 2012 – Ulteriore tappa nel percorso d’integrazione

L’accordo attuativo per la formazione dei medici iscritti alle scuole di Specializzazione dell’Università degli Studi di Udine, alla firma congiunta del Rettore, professoressa Cristiana Compagno, e del direttore generale dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Udine, dottor Carlo Favaretti, il 22 maggio, rappresenta un’ulteriore tappa nel percorso di integrazione nell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Udine attraverso la realizzazione dell’ospedale di insegnamento. L’accordo tra Università e Strutture ospedaliere è espressamente previsto dalla normativa nazionale per la regolazione dei rapporti connessi con la formazione specialistica. La formazione nelle strutture ospedaliere dei giovani medici e di tutti i professionisti sanitari ha acquisito enorme importanza in tutto il mondo: è ormai fuori discussione che gli operatori sanitari debbano accompagnare la formazione teorica con l’applicazione pratica di quanto studiato. La Direttiva comunitaria n. 93/16/CEE in materia di libera circolazione dei medici e di reciproci riconoscimenti dei loro diplomi, certificati ed altri titoli costituisce un altro importante riferimento di sfondo a questo accordo attuativo. Ricordiamo che l’Atto aziendale, atto alla base delle attività dell’Azienda Ospedaliero- Universitaria di Udine, sancisce la pari dignità delle tre funzioni assistenza, didattica e ricerca. L’accordo attuativo per la formazione dei medici iscritti alle scuole di Specializzazione esplicita nei dettagli la partecipazione del personale del SSR alla formazione dei medici in formazione specialistica, nonché la partecipazione del medico in formazione specialistica alle attività assistenziali. Vengono inoltre definiti l’impegno orario, la firma delle cartelle e dei documenti sanitari ufficiali e la griglia delle modalità amministrative e di supporto necessarie per l’espletamento di queste attività.

http://www.slideshare.net/carlofavaretti/decreto-specializzandi

http://www.slideshare.net/carlofavaretti/accordo-attuativoconaoucda26aprile2012daseoc1

Twitter negli eventi di crisi: un decalogo (a quattro mani)

Stiamo imparando ad abitare una realtà in cui i nostri stati di connessione online si intrecciano agli accadimenti quotidiani in modi sempre più pervasivi e consistenti. Se abbiamo giocato ad esempio su Twitter commentando in tempo reale i nostri programmi Tv preferiti (o meno) o  gli ultimi rumors sulla politica nostrana ci siamo scontrati prima con il terremoto de L’Aquila e oggi con quello dell’Emilia  che ci ha messo di fronte alla nostra umanità connessa e alla potenza di diffusione delle informazioni di fronte ad una crisi, in un territorio come la Rete in cui, in Italia, le istituzioni sono ancora troppo assenti.

In queste giornate avrei voluto leggere meno #protezionecivile e più @protezionecivile. Avrei voluto cioè la presenza di un account ufficiale della Protezione Civile che raccogliesse attorno a sé l’energia della comunicazione re-tweettata dei cittadini e potesse convogliare la spinta di ctatdinanza attiva che ho visto scorrere nella mia timeline e lungo l’#hashtag #terremoto. E sappiamo quanto sia strategico gestire le forme online di comunicazione attraverso i social network nei momenti di crisi. Le esercitazioni sui social network su un possibile terremoto nella California lo hanno testato.

Stiamo crescendo. Cresceremo digitalmente. Intanto allora dobbiamo chiederci: come possiamo in quanto utenti dare una forma attiva alla nostra presenza sui social network in una forma che sia eticamente responsabile?

Ho accettato così la sfida di Elisabetta di stendere assieme un “decalogo” per l’uso di Twitter in caso di crisi, raccogliendo anche molte delle istanze che circolavano su Twitter e sistematizzandole. Non prendetela come una prescrizione ma solo come il frutto della nostra esperienza connessa per come abbiamo vissuto le cose su Twitter in queste giornale attorno al #terremoto.

  1. Tieni libero l’#hashtag della crisi per le comunicazioni veramente importanti. Dimentica per un po’ il self-branding.
  2. Prova a frenare l’emotività e a riflettere su quello che pubblichi.
  3. Fai retweet delle comunicazioni dopo averle verificate. Spesso basta fare qualche facile ricerca in rete.
  4. Non diffondere contenuti allarmistici. Le parole hanno un peso: usale con cura.
  5. Impara a distinguere le opinioni dai fatti. Per le opinioni c’è tempo.
  6. Cura le informazioni che leggi. Insegna agli altri come distinguere i contenuti e ricerca i canali ufficiali evitando i “si dice”.
  7. Condividi le informazioni utili per il primo soccorso e per l’organizzazione degli interventi.
  8. Se sei un brand o un personaggio famoso metti a disposizione il tuo profilo per messaggi che è importante diffondere.
  9. Dimentica Twitter e i social network: pensa anche a che cosa puoi fare di concreto per la crisi che si sta attraversando.
  10. Aiuta i media a diffondere le informazioni corrette e fai in modo che si parli “di quello che succede sul web” solo perché è stato concretamente di aiuto.
 http://mediamondo.wordpress.com/2012/05/30/twitter-negli-eventi-di-crisi-un-decalogo-a-quattro-mani/

SIHTA

Interessante articolo di Carl Heneghan e Mathew Thompson sulla regolazione dei dispositivi medici, pubblicato sul Journal of the Royal Society of Medicine

http://www.slideshare.net/carlofavaretti/medical-device-regulation

View original post

Why medical leaders should tweet @muirgray

Fiona Pathiraja, 28 May 2012 on Faculty of Medical Leadership and Management https://www.fmlm.ac.uk/

During a recent phone call with Peter Lees (founding director of FMLM), he was a little surprised that I knew that he had been at the recent King’s Fund leadership summit[1],[2], espousing the virtues of leadership at the Royal College of Pathologists[3] and at the BMJ group awards[4]. Despite being on call all week, the use of social media have allowed me to not only know this information but to see pictures of the events and read quotes of what was said. Medical leadership news, to me, isn’t about reading news covered by print journals or about emails I receive. It is about getting live or nearly-live updates.  As far as I’m concerned, by the time it has reached print media, it is considered old news.

Increasingly, leadership organisations reach out to interested parties via social media: The King’s Fund have just passed 15,000 followers on twitter whilst the BMJ have over 37,000.  The Royal colleges are picking up on the trend with many having active facebook pages and twitter accounts.  Live tweeting from conferences or Royal College events is an excellent way for those not physically present at an event to catch up on the learning.

Last week, a medical director told me that he was ‘too old to tweet’ and that ‘twitter is for young people’. Well, it may surprise him to know that isn’t just junior doctors who are taking to social media in their thousands. Twitter flattens the medical hierarchy in a way that would take decades to do in a hospital. It is the place where FY1s can strike up conversations with people with organisational influence such as Professor Sir Muir Gray (@muirgray) or Professor Sir Liam Donaldson (@donaldsonliam) who both regularly tweet.  Social media also allows real-time cross-regional or international networking which is near impossible via email.

So what do FMLM members tweet about? Twitter, in the context of medical leadership, is about building a wide network, highlighting opportunities that might otherwise be missed and discussing topical subjects. Here are a selection of tweets from me and other trainee members:

Fiona Pathiraja @dr_fiona:

“AOMRC trainee group submission to Health Select Committee. http://bit.ly/LAaYl8  < Point 10 is important ++ . “

Emma Stanton @doctorpreneur

“Looking forward to @TheKingsFund conference: Leadership & Engagement in #NHS – Together we can. Especially implications for junior doctors. #kfleadership.”

Damian Roland @Engage2Advocate:

“Health Committee report on Education and Training released. Generally reassuring if you are a trainee http://bit.ly/Kn7DsS #juniordoctors.”

Toby Hillman @tobyhillman:

“Parting words from @jhcoakley > ‘You are the future – I am the past…’ Great talk, good advice for a bunch of SpRs.”

Nikki Kanani @nikkikf:

“Check out @TheNetwork001 http://www.the-network.org.uk  – Casebook is a collection of #qualityimprovement projects.”

Oliver Warren @DrOliverWarren:

“Leaders must now give the NHS a sense of endeavour and purpose http://bit.ly/GKvsu7  – read @doctorpreneur and my article in HSJ to see how..”

Even if you are sceptical, as a current or future medical leader, you should understand and recognise how medical news and ideas spread. Importantly, networking that starts in the virtual world often ends up with tangible results in the real world.  Instead of wondering what you might say or what use it might have, log on to www.twitter.com and send me @dr_fiona or the Faculty  @FMLM_UK a tweet. You never know, you might just surprise yourself.

[1] https://twitter.com/TheKingsFund/status/205224631509073920

[2] http://www.kingsfund.org.uk/blog/engagement_matters.html

[3]http://www.facebook.com/photo.php?fbid=362265063823491&set=a.362265057156825.72904.213577815358884&type=1&theater

[4] https://twitter.com/BMJ_Group/status/205782991908249600


 

PROGRAMMA AVANZATO
GIOVEDI 14 GIUGNO 2012
MEETING ANNUALE

08.30 Registrazione dei partecipanti

09.00 Saluti di benvenuto ed apertura dei lavori
Rocco Bellantone
Preside Facoltà di Medicina e Chirurgia, Università Cattolica del Sacro Cuore, Roma

Walter Ricciardi
Direttore dell’Istituto di Igiene, Università Cattolica del Sacro Cuore, Roma
Coordinatore scientifico SIMM & EAMM
Presidente Società Europea di Sanità Pubblica (EUPHA), Utrecht


09.30 Conferimento del Premio “Leonardo la Pietra” 2011
Don Dante Carraro
Direttore Medici per l’Africa CUAMM
Ricordo ed eredità di un vero Medico Manager
Maurizio Mauri
Chairman “ABC…Salute”
Direttore Generale CERBA, Milano

10.00-11.00 I SESSIONE
Medicina, Politica e Salute
Moderatori: Manuela Lucchini
Giornalista e corrispondente per televisione, Roma
Ferruccio Fazio
Medico Manager SIMM 2011, già Ministro della Salute
Professore Ordinario di Diagnostica per Immagini e Radioterapia, Facoltà di Medicina e Chirurgia, Università di Milano-Bicocca, Milano

Elio Guzzanti
Medico Manager SIMM 2009, già Ministro della Salute
Direttore Scientifico IRCCS Oasi di Troina…

View original post 475 altre parole

Live & Learn

If your manager:

  1. ignores you — your chances of being actively disengaged are 40%
  2. focuses on your weaknesses — your chances of being actively disengaged are 22%
  3. focuses on your strengths — your chances of being actively disengaged are only 1%.

Post Source: Steve Roesler, All Things Workplace: “Strengths, Weaknesses, and Engagement” cites Gallup Management Findings

Image Source: Brad Nash

Related Posts:

View original post

Come possiamo pensare che i tedeschi siano favorevoli ad accollarsi parte del nostro debito pubblico quando noi ricorriamo alla chirurgia plastica due volte di più di loro! “Vivete al di sopra delle vostre possibilità” dicono di noi!

Andrea Silenzi, MD, MPH

A cut above
Apr 23rd 2012, 11:25 by The Economist Online

Who has the most plastic surgery?

HAVING cosmetic surgery to enhance what nature gave you (or to keep her at bay) is increasingly common. In 2010 over 3.3m procedures were done in America, more than anywhere else, according to a report from the International Society of Aesthetic Plastic Surgery. These were split roughly evenly between “non-invasive” treatments, such as botox or facial peels, and “invasive” surgery. Chin implants (“chinplants”) alone rose by 71% on the previous year. But when population is accounted for, South Korea tops the list. A 2009 survey by Trend Monitor, a market-research firm, suggested that one in five women in Seoul had gone under the knife. Beauty is beheld differently in different countries, and this is reflected in the demands made on surgeons’ scalpels. There are seven times more buttock operations in Brazil than the…

View original post 22 altre parole

Su tasse e spending review la tabella (allegata) dell’Economist vale mille parole

Andrea Tavecchio – 26 maggio 2012

Taglio o meno delle spese e delle tasse saranno il tema della prossima campagna elettorale, come in fondo quello di tutte le campagne elettorali degli ultimi vent’anni.

Professor Monti a che punto è il lavoro di Amato, Bondi e Giavazzi sulla revisione della spesa e dei sussidi per partiti, sindacati, imprese e pubblica amministrazione? Meno televisione e più azione che al 2013 dobbiamo arrivare vivi e i mercati (e la Signora Merkel) forse non vedono la TV italiana, ma sicuramente leggono The Economist e non sono fessi.

twitter @actavecchio

Leggi il resto: http://www.linkiesta.it/blogs/fisco-e-sviluppo/spending-review-economist#ixzz1w3qhTPvi

Docs win most malpractice suits, but road is long

dal Chicago tribune Health http://ht.ly/b9cAY che riporta un articolo “Outcomes of Medical Malpractice Litigation Against US Physicians” pubblicato su Archives of Internal Medicine, http://bit.ly/JxuSmP

 

NEW YORK (Reuters Health) – Malpractice claims against U.S. doctors are often dismissed, and when they go to trial, the verdict is usually in the doctor’s favor, according to a new study.

But even when a case is dismissed, the road is typically long for both doctors and the patients suing, researchers said.

“Most claims go in favor of the physician, and they take a long time to resolve,” said lead researcher Dr. Anupam B. Jena, of Massachusetts General Hospital and Harvard Medical School inBoston.

Medical malpractice claims have become a hot-button issue in the U.S., coming up repeatedly in debates about healthcare reform. Some specialists must pay a couple hundred thousand dollars a year in premiums for insurance against malpractice claims — though rates vary by state.

But not much has been known about how long malpractice claims take to resolve, or what proportion of them actually end in a payment to patients, according to Jena.

For their study, he and his colleagues looked at more than 10,000 malpractice claims against U.S. doctors closed between 2002 and 2005.

They found that of all claims, about 55 percent resulted in an actual lawsuit.

Of those litigated claims, more than half were dismissed by the court. And out of the rest, most were resolved before a verdict; less than five percent ended up being decided by a trial verdict.

When there was a verdict, it went in favor of the doctor 80 percent of the time, Jena’s team reported in the Archives of Internal Medicine.

What stands out in the findings, Jena said, was the length of time cases took to resolve — even when they were dismissed.

On average, lawsuits dismissed in court took more than 20 months, and those resolved before a verdict took over 28 months.

Cases that went all the way to a trial verdict typically lasted a few years: 39 months, on average, when it went in favor of the doctor, and close to 44 months when the patient won.

“It is hard on everyone,” Jena told Reuters Health.

For doctors, the outcomes of claims varied by specialty — which is not surprising, Jena noted.

For example, internists were among the most likely to have cases against them dismissed in court. Pathologists and pediatricians were least likely: about 36 percent of cases against pathologists, and a little over 40 percent against pediatricians, were dismissed.

That makes sense, according to Jena. Pathologists study lab test samples and are key in diagnosing diseases. If they seem to have missed something, there is going to be more scrutiny. The same may be true in cases against pediatricians because a child is involved.

DEALING WITH ERRORS

“Medical malpractice is necessary,” Jena said, “because there are clearly cases where patients are harmed by negligent care.”

But, he added, the lengthy legal process, even in cases that are dismissed before trial, is an issue.

For doctors, Jena said, “there’s anxiety, and the potential for damage to their reputation.”

And for patients, those that have suffered real harm often end up in a long battle. “We need better ways of identifying those patients and making sure they are compensated more quickly,” Jena said.

He pointed to some measures that already exist. Some hospitals and healthcare systems have started “early disclosure” programs, where they try to spot medical errors and proactively tell patients about them and offer compensation.

And a majority of U.S. states now have so-called “apology” laws. Under those, doctors who have made an error can own up to it, without having that apology used as evidence against them if there is a lawsuit.

The goal of those laws has been to curb malpractice claims, because litigants often cite anger over a doctor’s perceived lack of remorse as a reason for suing.

And a recent study hinted that apology laws may be working as intended. Researchers estimated that in states with apology laws, cases involving the most severe injuries settled about 20 percent faster, and payments in those cases were lower.

SOURCE: http://bit.ly/JxuSmP Archives of Internal Medicine, online May 14, 2012.

Don Berwick on healthcare spending: “We have to improve our way out of this”

Don Berwick ritiene che, in USA, un terzo della spesa sia “sprecato”! E in Italia?

Cost figures from the healthcare reform debate are large enough to defy comprehension, but Dr. Donald Berwick boils things down to one crucial figure: $1 out of every $3 spent on healthcare is wasted.

He then argues that the way to get control over healthcare costs is not to take an axe to spending, but to make changes that make the delivery of healthcare better.

“We can get out of this; we can absolutely get out of this,” said Berwick, former Center for Medicare & Medicaid Servicesadministrator. “But we have to improve our way out of this.”

Berwick was a keynote speaker at the the SAS Health Care & Life Sciences Executive Conferencehosted by Cary, North Carolina software company SAS. Berwick could have used his stage time to defend the federal health reform law known as the Affordable Care Act, and he did show his support for the law and its objectives. But he spent most of his time explaining ways to chip away at healthcare spending waste. Some of those improvements are already in practice now.

The University of Pennsylvania Health Systemchanged hospital processes to tackle the problem of central line infections. Berwick said that he once thought central line infections were inevitable. But Dr. Richard Shannon’s work at Penn showed that changing hospital central line processes and procedures reduces infections. The hospital has the data to prove it.

Changing processes is a key part of improvement and it’s here that healthcare can learn from other industries, such as automobile manufacturing. Berwick cited Toyota as an example. In Japanese, the word for continuous improvement is “kaizen.” These efforts generate new efficiencies, which in turn reduces costs. At Denver Health, such “lean” practices resulted in savings of $135 million since 2006.

Berwick turned to Alaska to offer another example of how improving processes can lead to efficiencies and cost savings. “Nuka” is an Alaska Native word that means strong giant structures and living things. In Anchorage, the term refers to the Nuka system of healthcare practiced by the nonprofit Southcentral Foundation. The Nuka system was created by Alaska Natives to serve Alaska Natives. The system fosters a relationship with a patient, whose care is handled in a team-based manner that incorporates wellness and prevention. The system’s success can be measured by reductions in emergency room visits and hospital costs. More data.

But individuals also have a role in reducing healthcare costs. Here Berwick cited a Swedish man on hemodialysis. One day he told his nurse he could do it himself. He reasoned that his germs were his so he wasn’t going to infect himself. He did his own hemodialysis. Then another patient asked if he could show her how to do it. Now 60 percent of patients at this Swedish hospital do their own hemodialysis and infection rates have been reduced. The reduced infections come with an economic benefit — patients return to work sooner.

Where is the waste? It comes from overtreatment, failure to coordinate care, fraud and abuse among others things. Berwick said his vision puts patients first and protects the poor and disadvantaged. He said changes need to be made at scale because pilot projects are not enough. Cost savings must be returned to those paying the costs. And he also urges people to take action locally.

Berwick started his talk by stating what he called the First Law of Improvement: Every system is perfectly designed to achieve the results it gets. So if you want the system to produce better results, you need to change its design. In other words, you need improvement. If not, that $1 in waste for every $3 spent is only going to grow.

 

HPHItalia

Harvard School of Public Health http://www.hsph.harvard.edu/

Exercise Can Help Control Weight

Obesity results from energy imbalance: too many calories in, too few calories burned. A number of factors influence how many calories (or how much “energy”) people burn each day, among them, age, body size, and genes. But the most variable factor—and the most easily modified—is the amount of activity people get each day.

Keeping active can help people stay at a healthy weight or lose weight. It can also lower the risk of heart disease, diabetes, stroke, high blood pressure, osteoporosis, and certain cancers, as well as reduce stress and boost mood. Inactive (sedentary) lifestyles do just the opposite.

Related Articles (related-articles.jpg)

Despite all the health benefits of physical activity, people worldwide are doing…

View original post 2.627 altre parole

La frode scientifica: il lato oscuro della ricerca

Cristiano Alicino e Alice Fabbri in http://saluteinternazionale.info/

Fintanto che la ricerca rimarrà strumentale al perseguimento di obiettivi personali e commerciali, spesso convergenti, la frode scientifica rappresenterà un ineluttabile effetto collaterale del sistema.


“Una letteratura attendibile ha la capacità di trasformare l’autore tanto quanto il lettore” –  mentre  – “la frode nell’ambito della ricerca scientifica può danneggiare i pazienti, distorcere le evidenze, determinare uno spreco di risorse economiche e danneggiare la fiducia riposta nella scienza” – e ancora – “tali comportamenti sembrerebbero essere largamente diffusi fra i ricercatori”. Queste affermazioni intitolano e introducono due coraggiosi editoriali di Fiona Godlee, direttrice del British Medical Journal (BMJ), recentemente comparsi sulla rivista inglese in occasione di una conferenza sulla frode scientifica nel Regno Unito, organizzata congiuntamente dal BMJ e dalla Committee on Publication Ethichs (COPE)[1].

Il problema della frode in ambito di ricerca è stato periodicamente affrontato dalle principali riviste del settore medico-scientifico(a) e il tema è di grande attualità anche in Italia dove si sta celebrando il primo processo penale a carico di un ricercatore accusato di aver “manipolato consapevolmente” i risultati di una sperimentazione clinica[3].

Che cosa si intende per frode scientifica? I ricercatori che hanno partecipato alla sopra citata conferenza l’hanno così definita:“Comportamento intenzionale o involontario, che non raggiunge gli adeguati standard etici e scientifici”. Rientrano nella definizione di Research Misconduct la fabbricazione, la falsificazione,  e l’occultamento dei dati; l’inappropriata manipolazione di dati o immagini; il plagio; l’informazione fuorviante; la pubblicazione ridondante; la paternità inattendibile delle pubblicazioni, quali la guest e ghost autorship(b); la mancata divulgazione di fonti di finanziamento o di conflitti di interesse; la falsa dichiarazione del coinvolgimento del finanziatore e la non eticità della ricerca (l’unico esempio citato nella definizione è, purtroppo, il mancato ottenimento del consenso informato da parte del paziente)[4].

La conferenza è stata preceduta dalla pubblicazione sul BMJ di due articoli che hanno studiato il problema da differenti punti di vista.

Il primo studio è stato condotto da Elizabeth Wager, presidente del COPE, utilizzando il database di casi di frode scientifica segnalati dagli editori delle riviste che aderiscono al Comitato[5]. L’obiettivo della ricerca era quello di far emergere le difficoltà incontrate dagli editori nel tentativo di allertare le istituzioni accademiche circa possibili casi di frode. L’autrice, nelle conclusioni dell’articolo, sottolinea come i casi presentati al COPE mostrino genericamente un’interazione tra gli editori delle riviste e le istituzioni accademiche, in caso di sospetto di frode, non sempre soddisfacente (per usare un eufemismo); tuttavia, la stessa autrice riconosce come il database non consenta una realistica valutazione della frequenza del problema e, ad opinione di chi scrive, nemmeno una grossolana stima della sua effettiva portata.

Infatti, le riviste che aderiscono al COPE segnalano esclusivamente i casi più problematici e, quindi, la sola analisi del database tenderebbe a limitare la frode scientifica a quegli episodi, presumibilmente un’esigua minoranza, in cui il tentativo di manipolazione è talmente palese da essere facilmente individuabile. Elizabeth Wager riporta nel suo articolo casi di plagio, talvolta seriale, di evidenti criticità nell’eticità o nella conduzione di un trial clinico, di pubblicazioni “fotocopia” da parte di uno stesso autore, di autorship disputate, di risultati “troppo positivi per essere veri”, ma il cuore del problema è rappresentato da quelle situazioni in cui i dati dello studio sono fabbricati e manipolati in maniera da essere totalmente credibili e, quindi, rendere la pubblicazione facilmente accettabile da parte della rivista.   

Il secondo studio è stato realizzato, inviando via mail a 9036 autori o peer-reviewer del BMJ, un questionario di 3 domande con l’obiettivo di indagare la dimensione del problema nel Regno Unito[6]. Al questionario hanno risposto 2782 ricercatori (il 31% delle persone contattate), il 42% dei quali ricopriva una carica accademica, il 29% lavorava esclusivamente presso un ospedale, e il restante 29% svolgeva entrambi i ruoli. Il 13% dei ricercatori ha ammesso di essere a conoscenza di colleghi che hanno indebitamente adattato, omesso, alterato o fabbricato dati allo scopo di pubblicare i risultati della propria ricerca, mentre solo il 6% degli intervistati si è dichiarato a conoscenza di casi di frode non adeguatamente indagati da parte dell’istituzione di afferenza.

Fiona Godlee, commentando i risultati del questionari, ha affermato che, se da un lato i risultati emersi non consentono una precisa stima del fenomeno nel Regno Unito, dall’altro dimostrano l’esistenza di un numero significativo di casi di frode che le Istituzioni hanno difficoltà ad indagare[6]. In questo senso, il Regno Unito sembra essere molto in ritardo, rispetto ad altri Paesi, nello sviluppo di un adeguato sistema per affrontare i casi di frode. Eppure non si tratta di un evento raro, ma in realtà, di un fenomeno così comune da non essere percepito come grave. “Le persone vedono molti colleghi che lo fanno e restano tuttavia impuniti” afferma infatti il cardiologo Peter Wilmshurst, conosciuto per aver segnalato numerosi episodi di frode[1].

Molto interessante è l’analisi del ricercatore inglese Aniket Tavare, che definisce la frode come il “lato oscuro” della ricerca scientifica. Anche secondo l’opinione di Tavare, si tratta di un fenomeno molto meno raro di quanto comunemente si pensi e che sta continuando a mietere vittime di alto profilo[7]. Una recente meta-analisi ha evidenziato che circa il 2% dei ricercatori ha fabbricato, falsificato o modificato dati o risultati almeno una volta, e il 14% è a conoscenza di colleghi che lo hanno fatto[8]. Il numero di pubblicazioni ritirate dalla letteratura è aumentato in modo esponenziale nel corso degli ultimi anni, fino ad arrivare a oltre 400 articoli ritirati nel solo 2011, molti dei quali per episodi di frode. Malcolm Green, ex vice Preside della Facoltà di Medicina presso l’Imperial College di Londra, ha commentato: E’ molto probabile che per ogni caso di frode che viene identificato vi siano una dozzina o più casi che non vengono nemmeno rilevati”. Il mantra del “Publish or Perish” riecheggia infatti in molti dipartimenti universitari in cui il volume della produzione scientifica è il passaporto per l’avanzamento di carriera, il prestigio e il riconoscimento da parte dei colleghi. Tali rigidi parametri possono esercitare una notevole pressione sui ricercatori portandoli ad agire in maniera inappropriata. “Ma di chi è la responsabilità di tutto questo?” si domanda giustamente Tavare. I governi riconoscono l’importanza del progresso scientifico e molti Paesi hanno delineato codici etici di comportamento a cui i ricercatori dovrebbero attenersi. Analogamente, molti organismi di ricerca hanno redatto linee guida sulla conduzione delle sperimentazioni. Tuttavia, nonostante queste lodevoli iniziative, volte a garantire l’integrità della ricerca, i casi di frode continuano a proliferare. E purtroppo anche il meccanismo della peer-review non ha alcun effetto su questo fenomeno dal momento che la revisione è volta a valutare la qualità di uno studio, ma parte dal presupposto che i dati siano attendibili.

Anche alcune strategie finora suggerite per affrontare il problema della frode scientifica, seppur apprezzabili, non sembrano andare al cuore del problema. Una delle soluzioni proposte da alcuni ricercatori, in un articolo comparso qualche mese fa su Nature, è che riviste, editori, ricercatori e istituzioni scientifiche lavorino insieme per migliorare la comunicazione sui casi di frode. A questo scopo, è stato creato un database di pubblicazioni per le quali è stata accertata una forma di misconduct. Il database è di tipo collaborativo ed è associato a una piattaforma online(c) su cui è possibile avviare anche dibattiti e discussioni. Si tratta, al momento, di un progetto pilota il cui obiettivo finale sarà la creazione di una biblioteca pubblica per favorire una comunicazione tempestiva, trasparente ed efficiente, all’interno della comunità scientifica, sui possibili casi di frode[9].

Sicuramente la divulgazione e la comunicazione degli episodi di misconduct rappresentano un passo importante, ma sono strategie che agiscono solo “a valle” del problema, una volta che la frode si è verificata, e non hanno alcun impatto sui suoi “determinanti strutturali”, ossia il contesto in cui le attuali ricerche scientifiche vengono condotte e i risultati pubblicati. A questo proposito, Richard Horton, direttore di  Lancet, recentemente intervistato da un settimanale italiano, parla di “condizioni oggettive che favoriscono le frodi” e di una “competizione accademica feroce”[10]. Come detto, attualmente, e nonostante le numerose critiche mosse nel corso degli anni a questo sistema di valutazione(d), sono ancora gli indici bibliometrici, più o meno sofisticati, e il volume di “produzione” scientifica a qualificare l’attività di un ricercatore, a rappresentare l’unico indicatore su cui si basa la sua progressione di carriera e a dare prestigio all’attività del suo team.

Inoltre, con sempre maggiore frequenza, i gruppi di ricerca si trovano a competere prepotentemente per fondi privati, con l’inevitabile conseguenza che obiettivi e risultati della ricerca rischiano di essere piegati alle esigenze, spesso commerciali e di marketing, di chi la finanzia. Le stesse Università sembrano riluttanti a condurre adeguatamente indagini sulla frode scientifica e preferiscono insabbiare i risultati di tali indagini per proteggere la loro reputazione ed evitare di incorrere in azioni legali.

In questo contesto, non sorprende quanto denunciato dalla direttrice del BMJ e da Aubrey Blumsohn, ricercatore dell’Università di Sheffield da tempo impegnato nella battaglia contro la frode scientifica. “I ricercatori preoccupati del comportamento dei loro colleghi non sanno a chi rivolgersi e viene loro suggerito di rimanere in silenzio” dichiara Blumsohn, mentre la Godlee rivela che alcuni giovani ricercatori avrebbero ricevuto intimidazioni riguardanti l’avanzamento delle loro carriere e la pubblicazione dei risultati delle loro ricerche qualora avessero denunciato episodi di frode scientifica[1,6].

La tendenza a tenere conto del numero delle pubblicazioni scientifiche piuttosto che dell’effettiva qualità della ricerca sembra essere confermata anche dalle più recenti disposizioni legislative e normative emanate nel nostro Paese. In particolare, il Decreto Legislativo 240/2010 ha introdotto l’abilitazione scientifica nazionale quale requisito fondamentale per l’accesso alla prima e alla seconda fascia di docenza universitaria. L’ammissione all’abilitazione, che ha durata quadriennale, è attualmente legata a parametri che tengono conto esclusivamente della “produttività” scientifica del candidato e della sua continuità nel tempo. Parametri simili sono utilizzati anche per l’accesso alla figura di ricercatore universitario. Tuttavia, per ammissione della stessa Agenzia Nazionale di Valutazione del Sistema Universitario e della Ricerca che li ha formulati, l’uso esclusivo di questi criteri determina “effetti distorsivi” sul sistema[11]. Appare chiaro, infatti, come limitarsi a misurare il volume di ricerca pubblicata, rinunciando al più complesso e ambizioso obiettivo di valutarne l’impatto nel trovare risposte innovative a bisogni di salute inevasi, introduca nel sistema delle pubblicazioni scientifiche il rischio di manipolazioni e distorsioni, nel tentativo di un più facile e veloce “successo accademico”.

Come agire allora sui “determinanti strutturali” del problema?

Contrastare la tentazione della frode scientifica significa ripensare gli spazi, le modalità, gli obiettivi con cui la ricerca scientifica viene condotta, particolarmente nel campo della salute. Fintanto che la ricerca rimarrà strumentale al perseguimento di obiettivi personali e commerciali, spesso convergenti, e la sua qualità continuerà ad essere paradossalmente valutata con indicatori che ne misurano il “volume di produzione”, la frode scientifica, nonostante il nobile tentativo, da parte degli editori delle riviste, di proporre soluzioni volte a disincentivarla, rappresenterà un ineluttabile effetto collaterale del sistema. In questo senso, il problema della misconduct in ambito scientifico – e, più in generale, della pubblicazione dei risultati della ricerca –  non dovrebbe essere trattato isolatamente ma dovrebbe essere inserito nel più ampio dibattito sulle contraddizioni ormai strutturali della medicina e della scienza.

In conclusione, appare lecito e urgente domandarsi a chi spetti stabilire parametri ed indicatori che misurino la qualità dell’attività dei ricercatori. La valutazione della ricerca è un compito che può essere delegato in via esclusiva ai ricercatori stessi, o loro delegati, sulla base di criteri auto-referenzialmente e preventivamente definiti o, piuttosto, è necessario aprire il dibattito al di fuori della comunità scientifica restituendo il potere di verifica e controllo a coloro che dei risultati della ricerca dovrebbero beneficiare?

Cristiano Alicino, medico in formazione specialistica in Igiene e Medicina Preventiva, Università di Genova.
Alice Fabbri, medico in formazione specialistica in Igiene e Medicina Preventiva, Centro Studi e Ricerche in Salute Internazionale e Interculturale, Università di Bologna

Bibliografia

  1. Godlee F. Research Misconduct is widespread and harms patient. BMJ 2012;344:e14
  2. Godlee F, Wager E. Research misconduct in the UK. BMJ 2012;344:d8357.
  3. Nosengo N. Ricercopoli. L’Espresso N.9 1 Marzo 2012
  4. A consensus statement on research misconduct in the UK. BMJ 2012;344:e1111.
  5. Wager E. Coping with scientific misconduct. BMJ 2011;343:d6586.
  6. Tavare A. Scientific misconduct is worryingly prevalent in the UK, shows BMJ survey. BMJ 2012;344:e377. La sintesi dei risultati è disponibile anche in pdf
  7. 7. Tavare A. Managing research misconduct: is anyone getting it right? BMJ2011;343:d8212.
  8. Fanelli D. How many scientists fabricate and falsify research? A systematic review and meta-analysis of survey data. PloS One 2009;4:e5738
  9. Flutre T et al. Pilot scheme for misconduct database, Nature 2011;478:37.
  10. Nosengo N. E’ la legge della giungla. Colloquio con Richard Horton. L’Espresso N.9 1 Marzo 2012
  11. Agenzia Nazionale di Valutazione del Sistema Universitario e della Ricerca. Criteri e parametri di valutazione dei candidati e dei commissari dell’abilitazione scientifica nazionale. 22 giugno 2011

Note

a. Per una revisione sistematica degli studi che hanno indagato la prevalenza di frode scientifica vedi Fanelli D. How many scientists fabricate and falsify research? A systematic review and meta-analysis of survey data. PloS One 2009;4:e5738.

b. Con il termine ghost autorship si indica la scrittura di una pubblicazione, da parte di soggetti che non compaiono tra gli autori della stessa. Tali soggetti sono spesso dipendenti dell’industria o di società specializzate nella scrittura di pubblicazioni scientifiche. Per guest autorship si intende l’inserimento tra gli autori di una pubblicazione di un soggetto che non ha contribuito a nessuna fase della ricerca e della stesura del manoscritto.

c. Scientificredcards.org

d. Per un’efficace sintesi delle principali critiche mosse nei confronti dell’Impact Factor vedi Seglen PO. Why the impact factor of journals should not be used for evaluating research. BMJ 1997;314:498-502.