Irrilevanza politica dei professionisti sanitari: di chi è la colpa?

Might it be that doctors and nurses have opposed so much over the years that politicians simply discount their protests?

Richard Smith, già Editor del British Medical Journal, in un suo recente “cinguettio” su Twitter formula la domanda: non è che i politici semplicemente non tengono conto delle proteste di medici ed infermieri perché questi, nel corso degli anni, si sono opposti a tutto? Il tema è caldissimo in Inghilterra (meno nelle altre nazioni del Regno Unito) perché il governo Cameron sta procedendo ad una revisione del NHS che per i professionisti sanitari porterà ad un vero smantellamento del primo servizio sanitario nazionale del mondo.

Anche da noi la crisi politica, la cura da cavallo per controllare il debito sovrano e la recessione economica porteranno a radicali revisioni del servizio sanitario nazionale/servizi sanitari regionali? Circolano documenti tra il livello nazionale e regionale che non fanno ben sperare. I professionisti, associati in centinaia di Ordini e Collegi e di Società scientifiche, andranno in ordine sparso o avranno la voglia e il coraggio di dare un contributo serio, consapevole delle difficoltà di contesto, e non corporativo?

I tempi sono stretti: qualche settimana!

Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Commenti

  • maurizio dore  On 4 febbraio 2012 at 18:32

    Sarebbe necessario un coordinamento forte
    e una consapevolezza che mi pare che adesso
    manchi , forse una forte scossa sarebbe indispensabile

  • renalgate  On 4 febbraio 2012 at 19:04

    Io non credo che il problema sia stato che i professionisti della sanita’ si sono opposti a tutto. Io credo che abbiamo avuto tre tipologie:
    A) quelli che si sono opposti a tutto e non capivano cosa stesse per succedere attaccati alla frase piu’ dannosa della storia dell’umanita’: Ho sempre fatto cosi’
    B) quelli che hanno lavorato convinti che lavorando bene si sarebbe comunque scampato il pericolo
    C) quelli che si sono venduti al potere politico e alle rivalse personali prevaricando gli altri ed accettando, pur di raggiungere i loro scopi, ogni possibile nefandezza.
    Questi ultimi sono stati e sono i piu’ pericolosi e dannosi
    Quintaliani

  • Walter Ricciardi  On 4 febbraio 2012 at 21:37

    E se succede in Inghilterra tra un po’ succedera’ anche da noi. Pienamente d’accordo urge azione armonica subito!

  • Silvia Castorina  On 5 febbraio 2012 at 20:45

    Io credo che i problemi delle professioni sanitarie , che hanno radice non recente, si sommino oggi con più forza a quelli di una società dove le resistenze al necessario cambiamento sono ancora molto forti e dove la scarsa attenzione alla valorizzazione della competenza e del merito da parte di molti, ma anche della politica, non ha permesso a figure che avrebbero potuto svolgere un ruolo rilevante per il progresso del sistema in qualità e sostenibilità di emergere oltre le dimensioni locali.

    Credo che gli stakeholders rilevanti in sanità dovrebbero porre la massima attenzione nella pianificazione e nella gestione delle risorse umane del sistema,non solo pubblico, con una dimensione interprofessionale ed intersettoriale e con chiarezza di obiettivi,che siano più alti di quelli del singolo individuo e della singola categoria, siano non solo economici, siano di medio e lungo termine (per inserire una direzione verso un modello di sviluppo ideato con consapevolezza politica e sociale). Le professioni dovrebbero riflettere e dare il loro contributo con generosità.
    Silvia Castorina

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: