Monthly Archives: ottobre 2011

Un modello di leadership collaborativa

Il Center for creative leadership ha recentemente messo in rete un manuale sulla leadership collaborativa.

La leadership collaborativa, secondo il CCL, si fonda su 6 pilastri:

  1. Collaborative patient care teams
  2. Resource stewardship
  3. Talent transformation
  4. Boundary spanning
  5. Capacity for complexity, innovation and change
  6. Employee engagement and well-being

Traduzione provvisoria: gruppi assistenziali collaborativi; gestione responsabile delle risorse; trasformazione del talento; superamento delle barriere; capacità di gestire la complessità, l’innovazione e il cambiamento; coinvolgimento e benessere del personale.

Buona lettura!

http://www.slideshare.net/carlofavaretti/collaborative-healthcareleadership

Project financing: incremento insostenibile dei costi fissi di gestione? Acceso dibattito in Inghilterra.

Il project financing è la maggior causa di problemi finanziari per 22 NHS Trusts in Inghilterra, secondo il British Medical Journal (BMJ).

Infatti, dopo l’introduzione di meccanismi di pagamento per risultato (payment by results) fondati sui costi medi di trattamento nel NHS, si è verificato che il project financing determina un aumento dei costi fissi e conseguente deficit nella gestione ordinaria: deficit che si accumula anno per anno.

Se non si troverà il modo per finanziare a parte questi costi maggiori, le 22 istituzioni rischiano di perdere lo status di Trust che favorisce l’autonomia relativa delle istituzioni stesse rispetto alle decisioni centrali, alla condizione tassativa di mantenere l’equilibrio economico.

Sul tema del project financing il BMJ ha manifestato critiche feroci fin dal 1999.

Richard Smith aveva intitolato un suo editoriale “PFI: Perfidious Financial Idiocy. A free lunch that could destroy the NHS”, definendo la scelta del governo Major una “smoke and mirrors policy”.

Egli argomentava che il capitale privato costava di più di quello pubblico; che l’iniziativa affidava la programmazione pubblica al settore privato senza la necessaria accountability dello stesso; che non vi era nessuna prova che il project financing fosse migliore di altre tecniche di finanziamento (all’epoca i clinici stimolati all’EBM erano infuriati); che vi era un rischio di corruzione determinato dalle grandi somme di denaro pubblico in gioco, da processi decisionali “chiusi” senza garanzia di accountability; dal via vai di “consulenti” che entravano e uscivano dal settore pubblico.

Il finale era caustico: l’elettorato vuole la modernizzazione non la distruzione del NHS!

Forse sarebbe il caso di valutare le esperienze italiane.

http://www.slideshare.net/carlofavaretti/nhs-cuts-and-pfifull-9929432

http://www.slideshare.net/carlofavaretti/pfi-richard-smithfull-copia-9929460

4° Congresso Nazionale della Società Italiana di Health Technology Assessment

Programma avanzato del 4° Congresso Nazionale della Società Italiana di Health Technology Assessment che si terrà a Udine dal 17 al 19 novembre 2011.

HTA è qualità dei servizi sanitari.

Sarà un mix equilibrato di contributi di esperti italiani e stranieri nel campo dello sviluppo dell’HTA; delle sfide della regolazione; delle esperienze in alcuni nostri ospedali; del ruolo dei professionisti nell’HTA.

Venite a Udine numerosi! Sarà un’utile esperienza.

 

http://www.sihta.it/index.php?option=com_content&view=article&id=102

 

10 domande da fare al vostro medico

L’Agenzia federale americana sulla ricerca e la qualità nell’assistenza sanitaria (Agency for Healthcare Resarch and Quality) propone 10 domande che ogni paziente dovrebbe fare al proprio medico per acquisire le informazioni necessarie ad esprimere il proprio consenso ai trattamenti.

  1. A che cosa serve questo esame?
  2. Quante volte ha eseguito questa procedura o questo intervento?
  3. Quando avrò i risultati?
  4. Perché mi serve questo trattamento?
  5. Ci sono alternative?
  6. Quali sono le possibili complicanze?
  7. Qual è l’ospedale migliore per affrontare i miei problemi?
  8. Come si scrive il nome di quel farmaco?
  9. Ci sono effetti collaterali?
  10. Questa medicina interferisce con le altre medicine che sto prendendo?

http://www.ahrq.gov/questions/

I dieci consigli di Don Berwick sui sistemi sanitari

In occasione del 60° anniversario del Servizio Sanitario Nazionale britannico (NHS), Don Berwick, attuale chiarman di Medicare e Medicaid, ha pronunciato un discorso nel quale ha avanzato dieci consigli per lo sviluppo dei sistemi sanitari.

  1. Mettete il paziente al centro, ma veramente al centro, del vostro sistema assistenziale
  2. Smettetela di riformare i servizi sanitari
  3. Rafforzate i sisemi sanitari locali nel loro complesso
  4. Per ottenere il punto 3, reinvestite nella medicina generale e nell’assistenza sanitaria primaria
  5. Per favore, non contate sulle forze del mercato
  6. Evitate come la peste l’assistenza guidata dall’offerta
  7. Sviluppate un approccio integrato alla valutazione, alla garanzia e al miglioramento della qualità
  8. Guarite la condizione di separatezza tra professionisti, managers e governi
  9. Formate i professionisti sanitari guardando al futuro e non al passato
  10. Mirate alla salute

Il testo completo del discorso nel seguente link:

http://www.nwacademy.nhs.uk/development/document.aspx?docID=184

La moderna sanità pubblica include la medicina clinica

Presentazione di Carlo Favaretti e Gianfranco Gensini alla Conferenza Nazionale di Sanità Pubblica della Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica, Roma 12-15 ottobre 2011.

Esaminate la presentazione: il dibattito è aperto!

http://www.slideshare.net/carlofavaretti/favaretti-gensini-siti-2001

Per una sanità di valore #HTGBVHC20 in italiano i 20 tweets di sir Muir Gray

Il Professor Sir Muir Gray, Università di Oxford, ha scritto un aureo libretto dal titolo  How To Get Better Value Healthcare (HTGBVHC). Lo stesso Autore, insieme con il ProfessoreWalter Ricciardi, Università Cattolica del Sacro Cuore, ne ha curato l’edizione italiana dal titolo Per Una Sanità di Valore, per i tipi di Iniziative Sanitarie. Non si tratta di una traduzione, ma di un vero e proprio adattamento al contesto italiano.

Alla fine di giugno 2011, Muir Gray, grande utilizzatore di social media, ha sintetizzato su Twitter il libro inglese in 20 “cinguettii” (tweets).

Ho curato la traduzione italiana dei 20 tweets, postati consecutivamente ad uno ad uno.

Ecco qui tutti e 20 insieme!!!!!!!!!

  1. Distinguere il significato etico ed economico del termine “valore”
  2. Concordare una definizione semplice di valore, come per esempio la relazione tra esiti per la salute e costi
  3. Enfatizzare che l’espressione “esito per la salute”, usata nella misurazione del valore, è il risultato degli esiti positivi meno gli esiti negativi
  4. Il costo di un servizio sanitario non è dato dai soldi, ma dal pericolo per il paziente, dall’inquinamento ambientale, e dalla perdita di opportunità perché quelle risorse non possono essere investite in altro modo
  5. Assicurarsi che tutti, in particolare il pubblico, usino parole chiave come valore, esito per la salute e qualità attribuendo loro il medesimo significato
  6. Decidere la percentuale di PIL da spendere per i servizi sanitari: dedicare alla sanità più del 10% significa colpire pesantemente gli altri servizi
  7. Più risorse non determinano un aumento proporzionale del valore, perché l’equilibrio dei risultati positivi e negativi cambia all’aumentare della quantità di assistenza
  8. Distribuire le risorse economiche alle diverse popolazioni geografiche usando criteri espliciti basati sui bisogno
  9. Decidere la quota di bilancio da dedicare alla formazione, alla ricerca e alla gestione; ricavare il massimo valore da queste attività; e, forse, chiedersi quale sia la proporzione del budget da dedicare ai salari dei professionisti. (n.d.r.: l’ultima parte non molto applicabile in Italia poiché la materia è sostanzialmente vincolata dai contratti collettivi di lavoro)
  10. All’interno di ogni popolazione, allocare le risorse ai diversi pazienti e gruppi di popolazione per raggiungere il valore ottimo secondo Pareto: ciò significa che nessuno spostamento da un gruppo all’altro determina di per sé un aumento di valore
  11. Controllare che, nel programma di allocazione di risorse, non ci siano pregiudizi impliciti verso gruppi etnici o persone povere
  12.  All’interno di ciascun programma di budget allocare in modo ottimale le risorse ai diversi sistemi di assistenza, includendo le malattie rare
  13. Accertarsi che, all’interno di ciascun sistema clinico e di ciascun budget (per esempio per il morbo di Parkinson), le persone giuste abbiano accesso al livello di servizio per loro appropriato
  14. Assicurare che, all’interno di ciascun sistema clinico e di ciascun budget (per esempio per convulsioni ed epilessia), gli interventi e i servizi appropriati vengano forniti alle persone giuste
  15. Fornire in modo sicuro il servizio giusto alle persone giuste per ridurre la probabilità di esiti sfavorevoli per la salute
  16. Fornire il servizio giusto di alta qualità alle persone giuste per aumentare la probabilità di esiti favorevoli per la salute
  17. Fare in modo che l’esperienza di tutti i pazienti sia di alto valore per ciascun individuo
  18. Fare in modo che ogni decisione presa da un determinato individuo sia in armonia con la sua valutazione di valore dei risultati di salute buoni o cattivi
  19. Anche quando l’assistenza giusta è offerta in modo giusto, assicurarsi che i costi finanziari e di impatto ambientale siano minimizzati
  20. Contabilizzare il valore prodotto anno per anno e come esso aumenta

Per una sanità di valore #HTGBVHC20 tweet n.20 in italiano

Contabilizzare il valore prodotto anno per anno e come esso cresca

Per una sanità di valore #HTGBVHC20 tweet n. 19 in italiano

Anche quando l’assistenza giusta è offerta in modo giusto, assicurarsi che i costi finanziari e di impatto ambientale siano minimizzati

Per una sanità di valore #HTGBVHC20 tweet n. 18 in italiano

Fare in modo che ogni decisione presa da un determinato individuo sia in armonia con la sua valutazione di valore dei risultati di salute buoni o cattivi

Per una sanità di valore #HTGBVHC20 tweet n.17 in italiano

Fare in modo che l’esperienza di tutti i pazienti sia di alto valore per ciascun individuo

Per una sanità di valore #HTGBVHC20 tweet n. 16 in italiano

Fornire il servizio giusto di alta qualità alle persone giuste per aumentare la probabilità di esiti favorevoli per la salute

Per una sanità di valore #HTGBVHC20 tweet n.15 in italiano

Fornire in modo sicuro il servizio giusto alle persone giuste per ridurre la probabilità di esiti sfavorevoli per la salute

Per una sanità di valore #HTGBVHC20 tweet n. 14 in italiano

Assicurare che, all’interno di ciascun sistema clinico e di ciascun budget (per esempio per convulsioni ed epilessia), gli interventi e i servizi appropriati vengano forniti alle persone giuste

Per una sanità di valore #HTGBVHC20 tweet n. 13 in italiano

Accertarsi che, all’interno di ciascun sistema clinico e di ciascun budget (per esempio per il morbo di Parkinson), le persone giuste abbiano accesso al livello di servizio per loro appropriato